Cronaca
Brignano

Romano, Brignano, Vailate, Cologno... I vandali del presepe quest'anno si sono scatenati

La "moda" di accanirsi su addobbi e diorami sacri in questi giorni è notizia di ogni Natale, negli ultimi anni. E in tutta la Bassa gli episodi sono stati tanti, troppi.

Romano, Brignano, Vailate, Cologno... I vandali del presepe quest'anno si sono scatenati
Cronaca Gera d'Adda, 27 Dicembre 2021 ore 12:44

L'ultimo paese in ordine cronologico ad essere colpito è stato Brignano, nella notte tra Natale e Santo Stefano. Ignoti hanno spostato e danneggiato la statua del Bambinello, nel presepio allestito come ogni anno dalla sezione brignanese dell'Avis, in piazza Monsignor Donini. Eppure, la "moda" di accanirsi su addobbi e diorami sacri in questi giorni è notizia di ogni Natale, negli ultimi anni. E in tutta la Bassa gli episodi sono stati tanti, troppi.

La denuncia del sindaco Bolandrini

"Ogni anno i volontari dell’AVIS Brignano Gera d'Adda regalano alla nostra comunità un Presepe che richiede giorni interi di lavoro, allestendolo con impegno ed entusiasmo - ha commentato su Facebook il sindaco di Brignano Beatrice Bolandrini - Non lasciamo che la stupida meschinità di chi ha compiuto un gesto deplorevole ci contagi, un essere connotato da tanta insensibilità si è già condannato da solo di tutto".  "Per individuare chi ha compiuto questo gesto, e si procederà di conseguenza, come fatto in passato per altri vandalismi  ha continuato...".

I vandali 2021 in tutta la zona

Non è purtroppo un caso isolato. Nei giorni scorsi a Cologno lo "storico" presepe privato di via Solferino è stato pesantemente danneggiato e si sono verificati anche dei furti. Idem a Vailate, nella casa di Natale realizzata come ogni anno, con mirabile pazienza, da Daniele Cerri. Infine a Romano, nella notte tra la Vigilia e Natale, qualcuno se l'è presa con "Mirabil segno", l'installazione artistica del circolo culturale Il Romanino, che aveva coinvolto le scuole della città.

Può finire male

Una goliardata? Per molti è "soltanto" questo. Peccato che il codice penale non faccia sconti e una "bravata" di questo tipo possa costare cara sia a livello penale che a livello economico. L'anno scorso, ad esempio,  il 25 gennaio, il Tribunale dei minorenni di Brescia   arrivò a convocare l'udienza preliminare nei confronti di due ragazzi che ben quattro anni prima, a Treviglio, avevano trafugato la statua di Gesù bambino dal presepe di piazza Manara. Per i due più giovani del trio (oggi sono tutti  maggiorenni) entrato in azione nella tarda serata del 30 dicembre 2016, l'accusa era di furto.  Anche il più grande, all'epoca dei fatti già 18enne, era stato denunciato alla Magistratura ordinaria.

In alto, la foto del Bambino vandalizzato a Brignano, pubblicata su Fb dal presidente dell'Avis Maurizio Binetti