I numeri del vaccino

Vaccini Covid-19, nella Bassa quota 34mila. "Prima dose a tutti per la fine di giugno"

A TreviglioFiera immunizzati 600 carabinieri. Lunedì probabilmente si apriranno le prenotazioni pe pazienti fragili e i malati cronici.

Vaccini Covid-19, nella Bassa quota 34mila. "Prima dose a tutti per la fine di giugno"
Cronaca Bassa orientale, 11 Marzo 2021 ore 00:20

Siamo a quota 34mila. E' di ieri, mercoledì 10 marzo,  l'ultimo report sulle dosi di vaccino anti Covid-19 somministrate nella Bassa bergamasca, nelle prime due fasi  della campagna vaccinale.  Dopo il personale sanitario degli ospedali, gli ospiti delle Rsa, i professionisti sanitari, i soccorritori, in questi giorni si è conclusa la vaccinazione contro il virus di circa seicento carabinieri, e da lunedì probabilmente si apriranno le prenotazioni per la nuova fase della campagna, che coinvolge i pazienti fragili e i malati cronici.

I numeri della campagna vaccinale nella Bassa

Il totale delle persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino è arrivato a 34mila 627. Settimana scorsa eravamo a 25mila circa. Nelle grafiche che seguono, l’andamento delle vaccinazioni per luogo e per tipo. I dati, rielaborati dal Giornale di Treviglio, provengono dagli aggiornamenti settimanali di Asst Bergamo Ovest sull’attività dei centri vaccinali in funzione.

Spirano, Antegnate, Treviglio, Rsa ed ospedali

 

Più Pfizer Che Astrazeneca

 

 Siamo oltre 34mila dosi somministrate

Il grosso delle dosi sono Pfizer o Moderna (i primi ad arrivare in Italia, somministrati quindi al personale sanitario e poi agli anziani): circa 31mila. Altre 3500 circa sono dosi di AstraZeneca, finora somministrate perlopiù alla fascia di 60-79enni residenti nel cordone sanitario dell'Oglio.  Al momento, i tre centri vaccinali attivi sono quelli di Antegnate, Spirano e TreviglioFiera. A regime, probabilmente già con le nuove forniture di aprile e i nuovi vaccini resi disponibili da Ema come il Johnson and Johnson, diventeranno molte di più, circa 10mila al giorno. E un grosso sprint lo darà l'apertura da lunedì del quarto centro vaccinale dell'Asst, a Dalmine, con 44 linee di vaccinazione attive contemporaneamente.

L'obiettivo  è quello di raggiungere entro giugno quota 350mila dosi inoculate, un obiettivo che avvicinerebbe di molto quello dell'immunità di gregge nella pianura bergamasca, stando almeno alle prime stime sull'adesione alla campagna vaccinale nei Comuni che in questo momento sono sia quelli più colpiti che quelli in cui la campagna "di massa" è più avanzata, ed è già stata estesa ai sessantenni e ai settantenni: i 15 Comuni lungo l'Oglio, al confine con Brescia e Cremona.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola da venerdì 12 marzo

TORNA ALLA HOME