Menu
Cerca
Economia

L'edilizia bergamasca preme: "Serve una ripartenza immediata e urgente"

In Bergamasca l'edilizia vale il 7%. Ed è un settore a "basso rischio". L'appello di Ance per ripartire

L'edilizia bergamasca preme: "Serve una ripartenza immediata e urgente"
Economia Bergamo e hinterland, 18 Aprile 2020 ore 18:48

"Serve una ripartenza immediata e urgente. Le aziende di Ance Bergamo sono pronte a ricominciare nel pieno rispetto dei protocolli sottoscritti e disponibili ad applicare, a tutela della salute dei lavoratori, tutte le misure che le autorità sanitarie riterranno opportune". Così la  presidentessa dell'Associazione nazionale dei costruttori edili Vanessa Pesenti, da settimana scorsa anche consigliere di Bcc Treviglio. Che auspica come Regione Lombardia una ripartenza veloce di uno dei comparti economici storicamente più importanti della Provincia.

Vanessa Pesenti di Ance Bergamo

In Bergamasca l'edilizia vale il 7%

"Nella provincia di Bergamo il comparto edile genera un valore aggiunto del 7%, un dato ben oltre la media regionale e nazionale, a cui va sommato un ulteriore 14% del settore immobiliare. Sono numeri che evidenziano come l’edilizia sia centrale per la ripresa economica della Bergamasca e del Paese" ha scritto in una nota. "In queste settimane Ance Bergamo ha continuato a lavorare per consentire una ripresa più rapida possibile confrontandosi con tutte le parti, approfondendo dal punto di vista operativo il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro del settore edile siglato a livello nazionale, che grazie al fondamentale contributo del nostro sistema bilaterale si sta diffondendo tra imprese e lavoratori.

Una ripartenza a step

La partenza immediata e urgente – compresa la riattivazione della filiera edile per consentire gli approvvigionamenti necessari – dovrà strutturarsi per Ance su più step, cominciando dai cantieri dove, ad esempio per tipologia di lavorazione o per numeri di addetti, minori sono i rischi.

“Continuiamo a muoverci con grandissimo senso di responsabilità – commenta Pesenti – avendo ben presente la pericolosità che il coronavirus rappresenta per la nostra incolumità, per quella dei nostri lavoratori e per le famiglie, ma anche con una forte determinazione. L’apertura dei cantieri sarà garantita solo a chi è in grado di rispettare il protocollo, ma è fondamentale riprendere a lavorare. Apprezziamo l’intervento di ieri del Presidente Fontana che, anche a seguito del dialogo continuo e della collaborazione con la nostra associazione regionale, ha riconosciuto la centralità della filiera dell'edilizia per il rilancio dell'economia lombarda e la necessità di riprendere immediatamente l’attività nei cantieri”.

Costruzioni  settore "a basso rischio"

"In base alle ultime informazioni disponibili, il settore delle costruzioni viene classificato con 'rischio basso' di contagio Covid. Siamo dunque pronti sia sul fronte dei dispositivi di protezione individuale che sulla riorganizzazione della nostra attività lavorativa: attivando controlli in ingresso ai cantieri, prevedendo ove possibile il distanziamento interpersonale e provvedendo alla pulizia periodica dei luoghi di lavoro e delle attezzature. Occorre però anche chiarire che le conseguenze da contagio da Covid 19, in quanto pandemia, non possono essere considerate alla stregua di infortuni sul lavoro e non devono comportare alcuna responsabilità in capo al datore di lavoro”.

Serve liquidità immediata

"Ance Bergamo ha ben chiaro quello che serve per affrontare non solo la ripresa, ma anche il rilancio nel medio e lungo periodo: la disponibilità di liquidità che deve essere immediata, stante la necessità di pagare gli stipendi a fronte dei mancati incassi nel periodo di chiusura, risorse per gli investimenti nelle infrastrutture e nelle opere pubbliche a partire da quelle locali di più semplice attivazione; semplificazione della burocrazia, accelerazione dei processi autorizzativi e proroga automatica della validità di tutte le autorizzazioni; e - per i territori colpiti come il nostro - misure straordinarie quali azzeramento delle imposte, prestiti senza interessi e finanziamenti a fondo perduto, oltre al pagamento immediato dei lavori eseguiti, anche se non terminati. Per il settore immobiliare, con un ruolo di traino per diverse realtà produttive, servono inoltre le necessarie garanzie agli investitori, gli incentivi all’acquisto della casa e mutui a tasso zero e garantiti al 100% da un fondo statale".

Leggi anche: le Bcc premono per riaprire "o sarà troppo tardi"

Leggi anche: Regione, spunta la quinta "D"

Senza lavoro non possiamo rientrare dai prestiti

“Intanto non possiamo che ricominciare subito – conclude Vanessa Pesenti, presidente di Ance Bergamo – perché le iniziative del Governo per fornire liquidità alle imprese sono comunque sotto forma di un debito, e se non lavoriamo non possiamo restituire il prestito”

TORNA ALLA HOME