Menu
Cerca
Regione

Ripartenza: c’è una quinta “D”

 "Via libera ai cantieri", cominciando da quelli pubblici. E' questo  il punto di partenza condiviso.   

Ripartenza: c’è una quinta “D”
Cronaca Gera d'Adda, 18 Aprile 2020 ore 14:24

Distanza, diagnosi, dispositivi, digitalizzazione. Ma anche Diritti. Spunta una quinta “D” nella via lombarda alla riapertura, abbozzata in questi giorni da Regione Lombardia. E i diritti da garantire anche nella cosiddetta “nuova normalità” che dovremo abitare nei prossimi mesi, sono quelli “alla sicurezza, al lavoro, alla mobilità e allo studio”.

Ripartire dai cantieri

L’obiettivo, in questa chiave,  è emerso al termine degli Stati generali del Patto per lo sviluppo, un tavolo di Regione che ha visto coinvolti ieri in videoconferenza più di cento persone, tra esponenti del mondo produttivo, dei sindacati e delle università.   “Via libera ai cantieri”, cominciando da quelli pubblici. E’ questo  il punto di partenza condiviso.

Leggi anche:

Le Bcc della Bassa: “Ripartire alla svelta, o sarà troppo tardi” 

Estetiste e parrucchiere: una proposta di Confartigianato per riaprire

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli