La visita

Vaccini, Fontana a Bergamo: "Poste sta funzionando alla perfezione"

Via al nuovo sistema. "Se arriveranno le dosi riusciremo a vaccinare in poco tempo". Il punto in provincia di Bergamo e nella Bassa.

Cronaca Treviglio città, 02 Aprile 2021 ore 18:26

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha partecipato oggi alla prima Giornata regionale della "Riconoscenza per la solidarietà e il sacrificio degli alpini", visitando tra l'altro anche l'ospedale da campo allestito nei mesi scorsi alla Fiera di Bergamo, ma anche il centro vaccinale di Dalmine, inaugurato due settimane fa dall'Asst Bergamo Ovest di Treviglio. Nell'occasione ha anche parlato delle prime ore di attivazione del nuovo sistema di prenotazione del vaccino anti-Covid gestito da Poste Italiane. Dopo il "bagno di sangue" gestionale del sistema regionale di Aria, sembra che il nuovo portale attivo da ieri, primo aprile, stia funzionando in modo efficace.

7 foto Sfoglia la gallery

La visita di Fontana in Bergamasca

L'occasione della visita era la giornata dedicata agli Alpini, recentemente riconosciuta da una legge regionale. Insieme all’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi, coordinatrice del tavolo territoriale di Bergamo, all’assessore regionale alla Protezione civile Pietro Foroni, e al presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi, il presidente Fontana ha preso parte alla cerimonia dell’alzabandiera in piazza degli alpini a Bergamo e poi ha visitato l’ospedale da campo allestito in Fiera. Erano presenti anche consiglieri regionali e esponenti delle istituzioni locali.

“Gli alpini – ha detto Fontana – sono sempre in prima linea al servizio delle comunità e dei singoli anche nei contesti più drammatici eppure sanno affiancare al lavoro in queste situazioni di emergenza un sorriso e una disponibilità straordinari, riuscendo anche ad essere promotori e organizzatori di momenti di gioia comune. Il 2 aprile 2020 venne inaugurato ospedale da campo degli alpini a Bergamo: un miracolo per i tempi con cui hanno saputo realizzare la struttura, insieme alla Protezione civile, alla Comunità bergamasca e ai ragazzi della curva nord dell’Atalanta. Con questo ospedale – ha proseguito Fontana – è stata data una grande risposta alla città che ha sofferto e i cui cittadini hanno trovato dentro di loro risorse incredibili per reagire alle sfide della pandemia. Siete portatori di valori etici e di concretezza, della capacità di fare le cose che nelle nostre terre si riscontra e che voi interpretate nel modo migliore. E’ doveroso pensare a un giorno di festa per celebrare il vostro impegno, i vostri sacrifici e il conforto che sapete portare. Siete una realtà alla quale il nostro Paese deve dire sempre grazie”.

La visita a Dalmine

Terminata la commemorazione in piazzale Alpini le autorità si sono spostate proprio al centro vaccinale allestito in via Lunga, prima di concludere il giro di visite recandosi anche in quelli di Dalmine e Chiuduno.

Arrivato puntuale, il governatore ha   effettuato un breve giro delle postazioni vaccinali prima di concedere alcune dichiarazioni alla stampa in una zona separata, per ragioni di sicurezza, dal resto dell’hub.

"Poste funziona alla perfezione"

"L’ottima notizia di oggi è che il sistema di prenotazioni affidato a Poste Italiane sta funzionando alla perfezione. Questo significa che abbiamo risolto una parte importante dei problemi che abbiamo avuto finora e che possiamo quindi essere ambiziosi. Dal 12 aprile riusciremo a far partire le vaccinazioni di massa e inizieremo davvero a vedere la fine di questa esperienza difficile, che tra l’altro ha visto questo territorio soffrire in modo particolare".

"A tutti voglio quindi dire – è stato l’appello del governatore – di tenere duro perché presto ci lasceremo tutto alle spalle. Parlavo l’altro giorno con un amico che lavora come medico a Varese. Anche lui, grande professionista che ha sempre sopportato ogni colpo con determinazione, mi ha detto che è vicino a non farcela più. Dobbiamo resistere ancora, perché presto ci ritroveremo per festeggiare insieme la riacquisita libertà".

Centomila prenotazioni senza intoppi

In mattinata aveva visitato anche il centro realizzato nel palazzetto dello sport di Clusone (10 linee per somministrare fino a 1.500 vaccini al giorno) e quello in via di allestimento a Zogno (6 linee per un totale di 864 somministrazioni quotidiane), esprimendo  soddisfazione per l’inaugurazione del nuovo portale online di prenotazioni gestito da Poste Italiane.

"In poco più di tre ore il sistema ha gestito circa 100 mila prenotazioni senza intoppi e senza attese particolarmente lunghe – ha detto Fontana -. Se arriveranno le dosi riusciremo a vaccinare in poco tempo".

Anziani over80, l'Asst di Treviglio ha quasi completato il "primo giro"

Sì, ma a che punto siamo? E' il caso di fare un attimo il punto. Nella provincia di Bergamo i dati sembrano più incoraggianti rispetto alla media regionale di copertura, soprattutto per quanto riguarda la fascia degli anziani over 80. L'Asst di Treviglio, in particolare, ha "quasi terminato" le chiamate per gli ottantenni che hanno aderito alla campagna. In un'inchiesta del Giornale di Treviglio in edicola, emerge che anche rispetto alla popolazione anziana residente nella Bassa la percentuale di over 80 residenti  nella Bassa bergamasca che hanno ricevuto almeno una dose è nettamente superiore alla media della Regione, ma anche di altre aree limitrofe come - ad esempio - il Cremasco, che risulta piuttosto indietro.

 

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola da oggi, venerdì 2 aprile, oppure QUI sullo sfogliabile online

Domani è il V day

Intanto, domani, sabato 3 aprile, Ats Bergamo ha istituito il "V day": una giornata interamente dedicata alle vaccinazioni per “over 80”. Saranno circa 3.000 le somministrazioni, tra prime e seconde dosi, nei diversi hub delle tre Asst bergamasche, che proseguiranno a vaccinare anche nelle giornate di Pasqua e Pasquetta. Asst Bergamo Ovest, avendo praticamente esaurito - con le prossime ore - le persone vaccinabili nella categoria specifica e nei centri vaccinali dedicati (sono escluse, quindi, le vaccinazioni a domicilio per gli anziani fragili, che cominceranno nei prossimi giorni).

TORNA ALLA HOME