A Milano

L’ospedale in Fiera a Milano accoglie il primo paziente. Già pronti i primi 14 posti letto FOTO

La struttura è stata aperta dopo aver superato la soglia di allarme di 150 ricoveri in terapia intensiva in tutta la Lombardia. Sarà gestita dal Policlinico di Milano

L’ospedale in Fiera a Milano accoglie il primo paziente. Già pronti i primi 14 posti letto FOTO
23 Ottobre 2020 ore 20:16

La soglia d’allarme per la riattivazione dell’ospedale in Fiera a Milano è stata superata nella giornata di giovedì 22 ottobre, quando sono stati raggiunti i 156 posti letto occupati in tutta la Lombardia. Oggi, venerdì 23 ottobre, ha fatto il suo ingresso nel Padiglione del Policlinico in Fiera il primo paziente: si tratta di un uomo di circa 50 anni, proveniente da un ospedale del milanese, che è già stato sottoposto ad approfondimenti diagnostici, compresa una Tac al torace e all’encefalo.  Ne dà notizia PrimaBergamo.it

3 foto Sfoglia la gallery

Leggi anche: i dati di oggi nella Bassa, in Bergamasca e in Lombardia.

Attesi nuovi ricoveri

Secondo una nota diffusa dal Pirellone nelle prossime ore sono attesi ulteriori ricoveri, secondo le indicazioni del Coordinamento per le Terapie Intensive di Regione Lombardia. In questa prima fase nel padiglione fieristico milanese è già attivo un primo modulo da 14 posti letto di terapia intensiva gestiti dal Policlinico di Milano, a cui i vertici regionali hanno affidato il coordinamento clinico dell’intera struttura. Inoltre, sono attivi 3 medici anestesisti e 3 infermieri, oltre al personale logistico e di supporto, a copertura delle 24 ore.

Ulteriori posti letto, già pronti, potranno essere resi disponibili sulla base dell’andamento della curva dei contagi, oltre che sulla base delle necessità che deriveranno dall’andamento dei ricoveri. «Oggi riapre l’ospedale in Fiera a Milano. Sarei stato molto più contento che questo non fosse accaduto – ha commentato il presidente Attilio Fontana -. Purtroppo non è così e questa struttura avrà l’obiettivo di togliere un po’ di pressione agli altri ospedali».

Treviglio e Romano: stop ai ricoveri “differibili” e agli interventi chirurgici non urgenti

TORNA ALLA HOME

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia