Brignano

Un altro infermiere morto: Brignano piange Luciano Mazza, 65 anni

E' morto probabilmente dopo aver contratto il virus in servizio.

Un altro infermiere morto: Brignano piange Luciano Mazza, 65 anni
Treviglio città, 21 Marzo 2020 ore 12:49

Sessantacinque anni e un gran sorriso, quando raccontava orgoglioso della figlia appena laureata.
Lo ricordano così, amici e colleghi. Luciano Mazza, 65 anni, era un infermiere del Policlinico San Marco di Zingonia. E’ morto di Covid-19, con tutta probabilità dopo essere stato contagiato in servizio.

Luciano Mazza, infermiere a Zingonia

L’ennesima vittima di un sistema sanitario allo stremo, in cui – come ha ricordato ieri il Papa rivolgendosi proprio ai sanitari bergamaschi – in tantissimi stanno dando la vita per aiutare gli ammalati. Luciano Mazza viveva a Brignano e lavorava a Zingonia. Aveva contratto il virus alcuni giorni fa, nel suo reparto trasformato in centro Covid-19 come ormai gran parte dei reparti d’ospedale della Bergamasca. Sarebbe andato in pensione a breve. Lascia la figlia Roberta e la moglie Sandra.

Luciano è l’ennesimo brignanese caduto in queste settimane. Tra gli altri, l’ex sindaco Valerio Moro e il carabiniere Claudio Polzoni, 46 anni, e monsignor Giuseppe Aresi.

Medici e infermieri, eroi veri

Il  nostro gruppo editoriale si è fatto promotore di un’iniziativa per far sentire a tutti gli operatori sanitari, che lavorano senza sosta per salvarci la vita, la vicinanza e l’affetto dei lettori. Così nasce l’idea del nostro giornale di raccontare le storie di questi eroi e pubblicare foto, video, disegni, messaggi e pensieri per ringraziarli e sostenerli. Partecipare a “Medici e infermieri, eroi veri” è facile e gratuito.

Manda un WhatsApp al numero 3342899132 

TORNA ALLA HOME

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia