Covid-19

Tamponi (su richiesta) per chi rientra dalle vacanze

Lo ha reso noto l'Ats Bergamo: i medici di famiglia dovranno valutare la presenza di comportamenti a rischio.

Tamponi (su richiesta) per chi rientra dalle vacanze
Treviglio città, 01 Settembre 2020 ore 16:46

Tamponi (su richiesta) per chi rientra da mete turistiche nazionali e internazionali. Sarà il medico di famiglia a decidere, in caso al rispetto o meno delle norme anti contagio, se procedere con l’iter.

Tamponi per chi rientra dalle vacanze

A renderlo noto è l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, sulla base delle indicazioni ricevute dalla Direzione Generale Welfare.  Per le persone di rientro da luoghi turistici nazionali o internazionali non considerati da appositi atti regionali/nazionali (ad es. Spagna, Croazia, Malta, Grecia) continua a non essere prevista di norma l’esecuzione del tampone naso-faringeo.

Per questa tipologia di persone, vista la rapidità dell’evoluzione dello scenario epidemiologico nazionale ed internazionale, è tuttavia possibile estendere la raccomandazione di esecuzione di tampone per la ricerca di genoma di Sars-CoV-2 rivolgendosi ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta, che valuteranno il livello di rischio di esposizione al virus (sia in relazione all’andamento epidemiologico della zona visitata sia in relazione ai comportamenti assunti) e potranno, se del caso, richiedere il tampone per i propri assistiti.

LEGGI ANCHE: L’8% del personale scolastico positivo al test sierologico

Tamponi a chi ha assunto comportamenti a rischio

Sono considerati a rischio i comportamenti che hanno previsto il sostanziale non utilizzo delle buone norme di distanziamento sociale come ad esempio la partecipazione a feste e manifestazioni senza mascherina o il non utilizzo sistematico dei DPI durante il periodo di vacanza, con particolare l’attenzione alle classi di età più giovani (18-24 anni e 25-50 anni).

Sino all’esito, il paziente per il quale è stato richiesto il tampone deve attenersi all’osservanza rigorosa delle misure igienico-sanitarie. Innanzitutto uso delle mascherine in tutti i contatti sociali e limitazione allo stretto indispensabile degli spostamenti, con particolare riguardo a comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute, utilizzando preferibilmente un mezzo proprio.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia