Menu
Cerca
Restate a casa

Passeggiate con i figli, i sindaci rinnovano il divieto e lanciano l’appello: “Restate a casa”

I sindaci della Bassa sono uniti nel chiedere ai cittadini un po' di buonsenso: "Non vanifichiamo gli sforzi fatti finora".

Passeggiate con i figli, i sindaci rinnovano il divieto e lanciano l’appello: “Restate a casa”
Cronaca Treviglio città, 01 Aprile 2020 ore 10:20

L’assessore al Welfare Giulio Gallera non aveva esitato a definirla gravissima e ora contro la Circolare ministeriale diffusa ieri dal Viminale si abbatte anche la rabbia dei tanti sindaci da settimane impegnati in un’emergenza senza precedenti.

Dai primi cittadini della Bassa arriva l’ennesimo appello: “Restate a casa”. No, quindi, alle passeggiate con i bambini e al jogging per non vanificare gli sforzi fatti finora. Lo stesso Gallera ha fatto sapere che Regione Lombardia valuterà se possibile l’emanazione di un’ordinanza ad hoc.

Imeri (Treviglio): “Niente parchi, niente ciclabili: restate a casa”

“E nel mezzo delle tante riunioni con i sindaci dell’ambito, ecco arrivare l’ennesima circolare. Tutti sorpresi, e tutti compatti nel dire: ‘Attenzione non è un liberi tutti’ – ha chiarito il sindaco di Treviglio Juri Imeri -Proprio oggi abbiamo ricordato con un minuto di silenzio le tante persone che non ci sono più e che non abbiamo nemmeno potuto salutare. E adesso che iniziamo a vedere una piccola e timida luce in fondo al tunnel, con gli ospedali ancora in difficoltà e i temi sociali che stanno esplodendo, non dobbiamo abbassare la guardia. Continuiamo a essere responsabili e a usare il buonsenso. La circolare sembra consentire una breve passeggiata all’aria aperta intorno a casa, soprattutto per chi non ha il giardino; era già consentita prima e ora si dà solamente la possibilità di farlo con un figlio al seguito. Per il resto non cambia nulla: niente passeggiate, niente parchi, niente ciclabili. Le forze dell’ordine continueranno a presidiare il territorio e a fare rispettare le norme, ma quello che è fondamentale è il senso civico di tutti. La regola principale rimane la stessa: “Restate a casa tutelate voi stessi e gli altri”.

Pirovano (Misano): “State a casa o questo incubo non avrà fine”

“In merito alla circolare emanata stasera (ieri 31 marzo 2020) dal Ministero dell’Interno, che non serve a niente se non a creare confusione in una situazione già complicata, preciso che non cambia nulla rispetto al divieto di uscire – ha chiarito il sindaco di Misano Daisy Pirovano – L’unica differenza è che chi non ha una casa con giardino/cortile, se non ci tiene molto alla propria salute, a quella dei figli e dei propri familiari, può uscire dalla sua proprietà e camminare avanti e indietro appena fuori casa con un figlio. Ovviamente correndo il rischio di incrociare qualcuno, magari altri 22 vicini con 22 figli (fra cui magari dei contagiati) che corrono incontro al proprio figlio (sono bambini e non cani al guinzaglio) e possono contagiarlo. Quindi, se non volete correre rischi e se non volete rischiare solo per il gusto di far uscire vostro figlio in strada, non uscite. Oppure di questo incubo non vedremo mai la fine. Grazie al Ministero dell’Interno che non ha tempo per aiutare i Comuni nel bel mezzo di un’emergenza senza precedenti, ma ha tempo di diramare stupide e inutili circolari.”

Bolandrini (Brignano): “Per favore, state in casa non in prossimità”

“Ennesima scelta irresponsabile da cui mi dissocio – ha tuonato Beatrice Bolandrini, sindaco di Brignano – La circola recita ‘Ammesse le passeggiate di un adulto e di un bambino in prossimità della propria abitazione’ , qualcuno prima o poi me lo spiegherà il concetto di “prossimità”, termine mai usato così a vanvera come ultimamente. Ripeterò allo sfinimento che bisogna stare a casa, non in prossimità della propria casa.Un leggerissimo calo dei dati negativi e subito pronti a vanificare tutti gli sforzi fatti sinora. Non si può essere tanto incoscienti. Brignanesi, ve lo chiedo per favore, state in casa”.

Zanoli (Verdellino): “Restate a casa, confido nel vostro senso di responsabilità”

“Se posso darvi un mio consiglio, che ripeterò sino alla nausea: “Restate a casa” – ha fatto eco Silvano Zanoli (Verdellino) – In questi giorni stiamo intravedendo un piccolo spiraglio di luce in fondo al tunnel e questa tempesta improvvisa, che sta devastando il nostro paese, sta riducendo la sua intensità. Non vanifichiamo tutto rischiando di rinvigorire l’epidemia. Confido nel vostro senso di responsabilità”.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli