Menu
Cerca
Treviglio

Lunedì riapre il cimitero, ma accesso limitato e regolato per cognome

Le restrizioni saranno in vigore fino al 31 maggio. Non sono mancate le polemiche ma il sindaco chiarisce: "Piuttosto di tenerlo chiuso abbiamo preferito questa ipotesi".

Lunedì riapre il cimitero, ma accesso limitato e regolato per cognome
Cronaca Treviglio città, 07 Maggio 2020 ore 10:02

Dopo la parziale riapertura da lunedì 4 maggio per imprese edili, marmisti e fiorai e per le attività di manutenzione e decoro, da lunedì 11 maggio a domenica 31 maggio il cimitero civico di via Abate Crippa a Treviglio riapre anche alla cittadinanza, ma con qualche limitazione.

Riapre il cimitero

Per garantire il rispetto delle prescrizioni del DPCM del 26 aprile 2020 e tutelare la salute pubblica, l’Amministrazione ha dovuto adottare alcuni accorgimenti che riguardano sia il comportamento individuale che la regolamentazione degli accessi.

Si potrà accedere al cimitero:

  1. solo nei giorni e negli orari stabiliti sulla base della lettera iniziale del cognome (vedi tabella)
  2. è obbligatorio un documento di riconoscimento
  3. è previsto un numero massimo di 150 persone contemporaneamente presenti all’interno del cimitero
  4. è obbligatorio attenersi rigorosamente alle indicazioni degli operatori
  5. le persone eventualmente in attesa all’esterno dovranno mantenere le distanze di sicurezza
  6. si raccomanda di evitare assembramenti all’interno del cimitero
  7. è obbligatorio indossare sempre la mascherina protettiva
  8. è consentito accompagnare minori, disabili o anziani
  9. è consentito accedere con l’autovettura se in possesso di apposito permesso

Ecco le disposizioni per l’accesso in base alla lettera del proprio cognome:

“Soluzione ragionevole e di buonsenso”

“Ringrazio gli assessori, i dipendenti comunali, il parroco don Norberto e gli operatori della cooperativa che ha in gestione il cimitero per la grande disponibilità dimostrata anche in questa occasione – premette il sindaco Juri Imeri – Abbiamo condiviso tutti la volontà di riaprire quanto prima un luogo particolarmente significativo della nostra città, ma abbiamo dovuto anche lavorare per garantire il rispetto del DPCM e la tutela della salute pubblica. Gli accessi saranno organizzati sulla base del cognome e ci sarà un numero massimo di visitatori consentito contemporaneamente, ma per garantire a tutti la possibilità di far visita a persone care abbiamo esteso gli orari di apertura, riservato orari specifici alle funzioni funebri e programmato la rotazione su base settimanale e dei weekend. Saranno anche potenziati gli interventi di sanificazione dei bagni e delle zone sensibili. Avrei preferito una riapertura totale e senza vincoli, ma credo che si sia trovata una soluzione ragionevole e di buonsenso, confidando nella collaborazione di tutti”.

LEGGI ANCHE: Parchi con aree gioco chiuso, ma partono le manutenzioni

Coniugi separati dalle lettere dell’alfabeto

Non sono mancate, certo, le polemiche. Poco dopo la pubblicazione dell’annuncio, infatti, in molti hanno fatto presente che moltissime coppie di coniugi non potranno recarsi insieme al cimitero perché divise – proprio – dalla lettera del cognome. Orari e giorni diversi per chi condivide lo stesso dolore.

A replicare ci ha pensato subito il primo cittadino: “Condivido il problema. Ma oggettivamente tra tenere il cimitero chiuso e riaprirlo con delle regole che garantissero di rispettare il decreto, abbiamo preferito questa seconda ipotesi”.

E sull’ipotesi di adottare misure come quelle previste per l’accesso ai negozi, o allo stesso mercato cittadino che sabato riaprirà anche se in una nuova sede e solo per gli alimentari, aggiunge: “I negozi sono molti e il cliente può scegliere. Il cimitero è uno solo. E riapre dopo un lungo stop. Nei primi giorni ci sarebbe stata tanta gente. Meglio prevenire”.

TORNA ALLA HOME