Menu
Cerca
Tragedia sfiorata

Intossicati dal monossido, finiscono in camera iperbarica a Zingonia

Accendono un braciere per scaldarsi ma restano intossicati dal monossido di carbonio. Ennesima tragedia sfiorata  ieri a Vimercate, in Brianza. 

Intossicati dal monossido, finiscono in camera iperbarica a Zingonia
Cronaca Media pianura, 05 Febbraio 2021 ore 18:10

Accendono un braciere per scaldarsi ma restano intossicati dal monossido di carbonio. Ennesima tragedia sfiorata  ieri a Vimercate, in Brianza.  Hanno rischiato di morire per le esalazioni del gas tossico nella loro abitazione. Dopo le prime cure sono stati portati all’Habilita di Zingonia, per un trattamento in camera iperbarica.

All’alba di giovedì

L’incidente è avvenuto durante la notte tra mercoledì e giovedì e l’allarme è scattato attorno alle 6 del mattino. Tre le persone coinvolte, tutte originarie del Senegal , di 43, 56 e 57 anni, che dormivano   all’interno di un appartamento al primo piano di una palazzina della frazione di Oreno.   Due di loro, in condizioni non preoccupanti,  hanno raggiunto l’ospedale di Vimercate in autonomia per sottoporsi a controlli. Un terzo, invece, è stato trasferito in ambulanza. Sul posto anche i carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire ai motivi dell’intossicazione.

Un braciere acceso

Pare che  il monossido si sia sprigionato da un braciere  utilizzato per scaldare l’ambiente e lasciato acceso durante la notte al centro della stanza dove i tre dormivano.  Trasportati all’ospedale di Vimercate, per due di loro – un uomo e una donna –  si è reso necessario il trasporto   all’Istituto di Neuroriabilitazione ad Alta Complessità dell’Habilita di Zingonia, per un trattamento in camera iperbarica.  Una volta concluso il trattamento  l’uomo e la donna sono stati riportati in ambulanza a Vimercate e dimessi.

I precedenti nella zona

Non si tratta purtroppo di un caso isolato: le intossicazioni da monossido di carbonio sono purtroppo sempre frequenti, ad ogni inverno, anche nella Bassa. Recentemente, a Boltiere ha rischiato grosso una bambina di quattro anni.  A Cavenago Brianza, invece, un’intera famiglia è rimasta intossicata, compresa una donna incinta che ha dovuto subire un taglio cesareo d’urgenza. A Capodanno, tra i coinvolti in un’altra intossicazione c’erano due bambini, ad Alzano Lombardo.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli