Cronaca

Incidente mortale in cantiere, i sindacati: "Assurdo perdere la vita sul lavoro in questo modo"

Incidente mortale in cantiere, i sindacati: "Assurdo perdere la vita sul lavoro in questo modo"
Cronaca Romanese, 17 Luglio 2020 ore 17:03

"Assurdo perdere la vita sul lavoro in questo modo, la battaglia per la sicurezza sia obiettivo di tutti". Così i sindacati confederati Cgil Cisl e Uil commentano l'incidente mortale avvenuto ieri nel cantiere dell'ospedale di Cremona, in cui ha perso la vita un operaio 60enne di Fara Olivana.

Leggi anche: I dati Inail sui morti sul lavoro nel 2019 

Cadute dall'alto e schiacciamenti ancora all'ordine del giorno

"La ripresa lavorativa, dopo il periodo di lockdown,  sta riportando alla luce il dramma degli infortuni sui luoghi di lavoro - recita una nota congiunta -  L’attenzione e la sensibilità alla sicurezza che si è mostrata in questo periodo di emergenza pandemica attraverso la sottoscrizione di protocolli condivisi con le Organizzazioni Sindacali dimostra che è possibile operare anche sui cantieri per garantire prima di tutto la sicurezza. Questa attenzione e questa sensibilità deve essere tenuta alta quotidianamente per evitare infortuni che ancora troppo spesso accadono, e ancora troppo spesso con le stesse modalità: cadute dall’alto e schiacciamento.

Ci auguriamo  che siano identificate cause e responsabilità

“Riteniamo che la battaglia per garantire luoghi di lavoro sicuri sia l’obiettivo che tutti i soggetti interessati devono perseguire, per questo insieme a Inail e agli Organismi Paritetici nel progetto Cantieri Sicuri si dovranno mettere in campo azioni sinergiche efficaci per evitare nuovi infortuni come questo - commentano i Segretari Generali Giuseppe Mancin della Feneal-UIL, Simone Alloni della Filca-CISL e Luciana Fratus della Fillea-CGIL - In attesa dei risultati delle indagini da parte degli organismi competenti, che ci auguriamo identifichino cause e responsabilità, non possiamo che ripetere ciò che diciamo da tempo: perdere la vita sul lavoro in questo modo è un’assurdità che non dobbiamo accettare”.

Come Feneal-UIL, Filca-CISL e Fillea CGIL di Bergamo non ci stancheremo mai di far sentire la nostra voce in momenti così drammatici per il lavoro. Continueremo anche nell’importante compito di sensibilizzare datori di lavoro e lavoratori, giorno per giorno, cantiere per cantiere, fabbrica per fabbrica. Intanto, siamo vicini alla famiglia della vittima. Ci mettiamo adisposizione per valutare eventuali azioni, anche giudiziarie, se ritenute necessarie.

TORNA ALLA HOME