Cronaca
Le notizie più lette

Il 2021 nelle dieci notizie più lette su PrimaTreviglio.it

Dall'omicidio che ha sconvolto Treviglio, fino al maltempo, passando per i (benedetti) vaccini.

Il 2021 nelle dieci notizie più lette su PrimaTreviglio.it
Cronaca Treviglio città, 31 Dicembre 2021 ore 08:02

Non c'è solo il Covid-19, tra le dieci notizie più lette su PrimaTreviglio.it in questo 2021 che si appresta a tramontare. Eppure è proprio la pandemia, per ovvie e comprensibili ragioni, ad essere stata l'argomento dell'anno, come nel terribile 2020. Il virus che ha cambiato le nostre vite. Ma non c'è solo questo. Ci sono le storie - belle e brutte - che ci hanno appassionato e stupito. E c'è anche, un po' inaspettatamente, anche la politica e l'attenzione per i cambiamenti del territorio. Eccole qui, tutte insieme.

I 2021 nelle notizie più lette su PrimaTreviglio.it

10 foto Sfoglia la gallery

I vaccini, che ci hanno salvato la vita

Fortunatamente sono in pochi, tutto sommato, a non averlo ancora capito. I vaccini ci hanno salvato la vita. Quest'intervista con il direttore generale dell'Asst Bergamo Ovest, ad aprile, raccontava uno scenario che è cambiato mille altre volte, in questi mesi che sono sembrati infiniti tutti noi, ma soprattutto a chi lavora nella Sanità.  La scorsa primavera non è che le cose fossero poi tanto chiare. Inseguendo il virus e le sue varianti - un po' alla cieca, come è in fondo normale che fosse - qualche battaglia l'abbiamo vinta, qualcun'altra persa (come la speranza, vana, di evitarci questa quarta ondata). La guerra, invece, non è ancora finita.

Il sogno della libertà, e la burocrazia

La vicenda delle due camperiste di Brignano che hanno deciso di vivere su un camper era diventata una sorta di "telenovela", arrivata alla ribalta delle cronache nazionali. Una scelta di libertà, la loro, che in un Paese occidentale forse non dovrebbe nemmeno fare notizia. Non fosse per quell'incontro-scontro con una burocrazia tanto necessaria, certo, ma anche tanto ingessata, talvolta, da rischiare di diventare un fine, piuttosto che un mezzo.

La Francesca di Verdello e il mondo che cambia

La "Francesca" di Verdello fu una delle prime "cattedrali" dello shopping, negli anni Novanta. Era un simbolo, allora, di come il commercio locale si stava trasformando, con l'arrivo dei centri commerciali. Ed è stata un simbolo, a settembre, la sua chiusura dopo una lunga agonia: la sua audace volta di vetro racconta di un mondo, quello della GdO, che non ammette corridori stanchi.

Cinquanta sfumature di arancione

Arancione, arancione scuro, arancione rafforzata... Le cinquanta sfumature di arancione sono state un tormentone per tutta la primavera scorsa. Verrebbe da dire che ci risiamo, anche se nel frattempo sono cambiate tante cose, fortunatamente in meglio.

La tromba d'aria di Lurano

Impossibile dimenticare le immagini della devastazione causata dal maltempo, lo scorso luglio, a Lurano. I danni non sono tuttora completamente riparati...

Viva la democrazia

Chi ha detto che la politica non interessa più nessuno? Il nostro speciale sulle elezioni comunali di quest'anno - con i risultati in diretta trasmessi dai nostri collaboratori nelle sezioni elettorali di mezza Bassa, le analisi del voto e i commenti "a caldo" dai protagonisti - è stato davvero straletto.

L'omicidio che ha sconvolto Treviglio

L'omicidio di Manuela Guerini, quest'estate, ha sconvolto la città. Fu uccisa dalla giovane figlia di 15 anni, con una coltellata, dopo una lite domestica.

Sesso sul Brembo

Una storiella primaverile e un po' torbida, sulle sponde del Brembo.

Una tragedia della disperazione

Una tragedia della disperazione, come troppe in questi mesi nella Bassa. Era la fine di maggio.