Menu
Cerca
Treviglio

Ettore Premoli lascia il comando dei Vigili del fuoco di Treviglio

Era nei pompieri dal 1981. Il suo testimone è stato raccolto dal 30enne Amos Moriggi, vigile del fuoco da quando ne aveva 18.

Ettore Premoli lascia il comando dei Vigili del fuoco di Treviglio
Cronaca Treviglio città, 10 Aprile 2020 ore 13:28

Ettore Premoli non è più il comandante del distaccamento dei Vigili del Fuoco di Treviglio per sopraggiunti limiti di età.

Ettore Premoli

Dallo scorso 17 marzo, Ettore Premoli si gode il meritato riposo, dopo quasi 40 anni in prima linea (di cui una decina come comandante). Il suo posto di “capo distaccamento” (questo è la dicitura ufficiale dell’incarico conferitogli dal Comandante provinciale dei Vigili del fuoco di Bergamo, Calogero Turturici) è stato preso da Amos Moriggi, 30 anni, nei pompieri da quando ne aveva 18, che da un paio di anni stava «studiando» per raccoglierne il testimone. Un avvicendamento rimasto un po’ nell’ombra a causa dell’emergenza Coronavirus che sta interessando tutto il pianeta.

“Esperienza che mi ha arricchito”

“Anche per me è arrivato il momento di lasciare i Vigili del fuoco – ha commentato Ettore Premoli, che già da alcuni anni è in pensione dopo aver lavorato per decenni nel settore manutenzione dell’ospedale di Treviglio – Un’esperienza che mi ha arricchito e che consiglio a tutti i giovani. Fare il Vigile del fuoco ti fa affrontare diverse situazioni che ti permettono di capire i veri valori della vita. Ecco perché credo che, soprattutto i ragazzi, dovrebbero avvicinarsi a questo mondo tanto utile per la comunità”.

Nei pompieri dal 1981

Ettore Premoli era entrato nei Vigili del fuoco nel 1981, appena 22enne, quando il distaccamento cittadino era guidato da Giuseppe Oggionni. Fu un amore a prima vista, tanto che da allora, nonostante gli impegni di lavoro e quelli famigliari, Premoli non ha mai lasciato la grande famiglia dei pompieri. Un’esperienza sul campo che, una decina di anno fa, gli hanno fatto guadagnare i gradi di comandante, subentrando a Rolando Fagioli, altro pezzo di storia della caserma di Treviglio. Proprio per onorare e ringraziare Premoli per il suo operato, lo scorso febbraio gli è stato conferito il Premio Madonna delle Lacrime, riconoscimento che ancora non ha potuto ritirare per via dell’emergenza Covid-19.

Leggi lo sfogliabile online QUI

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli