Cronaca

E' morto Flavio Bani, l'operaio caduto in cantiere martedì

Dopo due giorni in Terapia intensiva è spirato ieri sera, giovedì.

E' morto Flavio Bani, l'operaio caduto in cantiere martedì
Cronaca Romanese, 01 Marzo 2019 ore 08:35

Precipita in cantiere a Meda, non ce l’ha fatta l’operaio 50enne, residente a Ghisalba. Flavio Bani era ricoverato in condizioni gravissime al Niguarda di Milano e ieri sera è spirato.

Precipita in cantiere e muore

L’uomo, 50 anni, di Ghisalba, si è spento ieri sera, giovedì 28 febbraio, all’ospedale milanese  dove era stato trasportato d’urgenza in seguito a un gravissimo incidente avvenuto martedì nel cantiere di costruzione dell’Istituto Auxologico Italiano di via Gagarin a Meda. Per cause ancora in fase d’accertamento, sarebbe precipitato da un’altezza di circa 4 metri.

Padre di famiglia

Sposato, padre di due figli, Bani era un operaio "scrupolosissimo". Non è chiaro come sia potuto accadere l'incidente. Secondo la direzione del cantiere, tutte le misure di sicurezza erano state messe in atto e "non si può parlare di negligenza".

Presidio dei sindacati

I sindacati Cgil Cisl e Uil hanno organizzato a Monza un presidio sul tema della sicurezza sul lavoro e ci sarà anche una delegazione bergamasca. Si tratta infatti del terzo incidente mortale in Brianza nel giro di pochi giorni. A Treviglio invece, sono ancora serie le condizioni dell'operaio di Casirate rimasto coinvolto in un incidente alla Piuma d'oro, storica azienda dolciaria del Pip. Era stato trascinato in un'impastatrice.

TORNA ALLA HOME