Menu
Cerca
Aggiornamento

Coronavirus, prima vittima in Italia, un contagiato anche a Cremona

A Cremona, dopo il primo caso di contagio, è stata disposta la chiusura delle scuole.

Coronavirus, prima vittima in Italia, un contagiato anche a Cremona
Cronaca 22 Febbraio 2020 ore 08:31

Coronavirus, prima vittima anche in Italia. Sale il numero dei contagiati, uno anche a Cremona.

Coronavirus, prima vittima in Italia

Si tratta di Adirano Trevisan, 78 anni, uno dei due casi individuati in Veneto. Ricoverato nell’ospedale di Schiavonia (Padova) da 15 giorni era stati giudicato in gravi condizioni. Contagiato anche un suo compaesano di 67 anni. Intanto sale a 19 il numero dei contagiati nel nostro Paese: primo contagio anche a Cremona.

Coronavirus a Cremona

Una riunione di emergenza si è tenuta questa notte all’ospedale Civile di Cremona, dopo la scoperta di un paziente contagiato ricoverato da qualche giorno proprio nel nosocomio cremonese.

Le informazioni rilasciate sono per il momento pochissime, per ora viene infatti mantenuto il massimo riserbo sull’identità del cremonese affetto da Coronavirus. Per certo è il 16° caso di contagio in Lombardia riscontrato in poco più di 24 ore e il 19esimo in tutta Italia.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, secondo contagio in provincia di Cremona

Scuole chiuse

Prima ancora di venire a conoscenza del contagiato, il comune di Cremona ieri in una nota aveva disposto la chiusura in via cautelativa di tutte le scuole per la giornata di oggi, 22 febbraio 2020. Si stanno valutando in queste ore la cancellazione delle manifestazioni sportive e del Carnevale.

La nota diffusa dal sindaco Gianluca Galimberti recita così:

“In accordo con la Prefettura di Cremona, in via cautelativa e preventiva rispetto alla diffusione del Coronovaris sul nostro territorio, domani (sabato 22 febbraio) le scuole di ogni ordine e grado della nostra città rimarranno chiuse. Stiamo valutando anche la sospensione degli eventi sportivi e delle manifestazioni legate al Carnevale. Siamo in stretto contatto con le autorità sanitarie e ci adoperiamo al massimo per tutelare la salute dei cittadini. Vi chiediamo di dare la massima diffusione a questo avviso! Resta valida la disposizione di Ats e Regione Lombardia per chi ha sintomi influenzali o problemi respiratori per cui ha bisogno di una diagnosi di non recarsi al Pronto Soccorso, ma di rivolgersi al 112. Il numero verde 1500 è utile per approfondire informazioni e conoscere adeguati comportamenti preventivi diffusi dal Ministero.

In merito al caso di Coronavirus a Cremona sono in contatto costante con Ats e Regione Lombardia (ho già parlato con l’Assessore Giulio Gallera) che stanno verificando la situazione e si stanno coordinando con il Ministero per adottare anche qui in città eventuali altre misure preventive alla luce dell’evoluzione degli eventi e in coerenza con le indicazioni del Ministero stesso. L’invito in ogni caso è sempre quello di seguire i comportamenti preventivi suggeriti dal Ministero.”

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli