Cronaca
Morengo

Ancora schiuma nel canale, sempre nei giorni festivi

Anche questa mattina, come nel giorno di Capodanno, nel canale della Gronda ci sono schiuma e acqua torbida.

Ancora schiuma nel canale, sempre nei giorni festivi
Cronaca Gera d'Adda, 06 Gennaio 2022 ore 11:51

L'impressione è che qualcuno stia approfittando dei giorni festivi per riversare sostanze inquinanti nelle acque.

Ancora schiuma nella Gronda

Già pochi giorni fa, il Primo Gennaio, era stata segnalata la presenza di schiuma biancastra e acque torbide all'interno della Gronda, il canale che attraversa il territorio morenghese all'interno del Parco del Serio e sfocia poi nel fiume che dà il nome al parco. Sul posto erano intervenuti il sindaco Amilcare Signorelli e i Carabinieri forestali, ed era stata allertata anche Arpa al fine di risalire alla causa dell'inquinamento e della schiuma.

La storia si ripete, sempre nei giorni festivi

Dopo tre giorni di tranquillità, la storia si è ripetuta questa mattina, giorno dell'Epifania, quando un morenghese ha "segnalato" su Facebook la presenza di schiuma nel canale. Il sindaco Amilcare Signorelli si è subito recato sul posto - dove si trova in questo momento per gli accertamenti del caso - e ha allertato le autorità: nello specifico Carabinieri e Arpa, con i quali sono in corso i confronti proprio in questo momento. A rilanciare la notizia appresa tramite i social anche il capogruppo di minoranza Lega Cristian Locatelli.

L'appello del sindaco

Ancora una volta invece di fare una segnalazione ufficiale alle autorità competenti ci troviamo di fronte ai "post su Facebook" - ha commentato a caldo il primo cittadino, che più volte ha rivolto appelli alla popolazione affinché le segnalazioni avvengano sui canali e verso le autorità di competenza - Non ho alcun problema a farmi carico io di riportare le segnalazioni ricevute, ma chiaramente non si può far riferimento a un social network per segnalazioni ufficiali.

Una storia senza fine

Il problema degli sversamenti nel canale, del resto, è atavico e ciclico nel corso della vita dei morenghesi: periodicamente, a intervalli di qualche mese, si segnala la presenza di schiuma e acque torbide nel corso d'acqua, a indicare con ogni probabilità lo sversamento intenzionale per mano di qualche privato. Ad avvalorare l'ipotesi di un dolo in malafede c'è anche il fatto che gli ultimi episodi si siano verificati tutti in giorni festivi, quando interventi, controlli e indagini sono meno tempestivi del normale. Gli enti di competenza - Arpa in primis - non sono infatti ancora riusciti, in tutti questi mesi, a verificare da dove provengano gli scarichi, che per quanto interessino il Comune di Morengo, non possono essere controllati e verificati dall'ente pubblico, ma soltanto dall'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente. Agenzia che, per questo specifico problema che si ripresenta ormai da anni, non ha ancora risolto nulla.