Attualità
Già superate 7mila firme

Una petizione per rendere Santa Lucia un giorno festivo in tutta la Bergamasca

L'idea suggerita da un bergamasco alle Amministrazioni locali sostiene l'importanza della festività in tutta la provincia.

Una petizione per rendere Santa Lucia un giorno festivo in tutta la Bergamasca
Attualità Bergamo e hinterland, 08 Dicembre 2021 ore 16:56

Il 13 dicembre, data in cui nella Bassa (e a dire il vero anche nell'Alto Cremasco) si festeggia Santa Lucia, venga trasformato in "un giorno festivo per dare modo ai piccoli, ai genitori e a tutta la comunità di potere godere appieno di questa bellissima tradizione che tanti ha fatto sognare e gioire". Ne dà notizia Prima Bergamo.

Una petizione per Santa Lucia

È la proposta lanciata alle Amministrazioni locali della provincia da un cittadino bergamasco attraverso una petizione online, pubblicata sulla piattaforma change.org. Una sottoscrizione che ha già raccolto un discreto seguito, visto che a oggi è stato superato il traguardo delle 7.300 firme (anche se il conteggio si aggiorna di ora in ora). Al momento i promotori si sono posti come obiettivo quello di raggiungere le 7.500 firme per far sì che la petizione rientri nel 10% di quelle più firmate sulla piattaforma.

"L’ideale sarebbe poter far trascorrere ai piccoli la giornata a casa – si legge nella proposta -, esentandoli dalla scuola e contestualmente indire il giorno festivo in tutta la provincia bergamasca, permettendo ai genitori, o perlomeno alla maggior parte di essi, di trascorrere almeno la mattinata in famiglia vivendo con i propri cari questa splendida festa".

Tutti a casa come per il Santo Patrono

L’appello alle istituzioni prende le mosse dalla considerazione che, così come la ricorrenza del Santo Patrono è un giorno festivo per i Comuni, allora potrebbe esserlo anche la festa di Santa Lucia per tutta la Bergamasca.

"Possiamo tutti ricordare l’emozione che abbiamo provato da piccoli – aggiunge il promotore dell’iniziativa -, partendo dallo scrivere la tanto amata letterina, portandola in centro a Bergamo… Poi la dolce attesa, lasciando sul tavolo latte e biscotti o qualsiasi cosa che la tradizione di famiglia suggeriva".