Attualità
Caravaggio

Ucraina, in duemila alla fiaccolata di Caravaggio

Domenica 6 marzo manifestazione a Romano, organizzata dall'Ambito14

Attualità Gera d'Adda, 05 Marzo 2022 ore 22:04

Almeno duemila caravaggini si sono dati appuntamento questa sera, sabato 5 marzo, alla  fiaccolata per la pace in Ucraina. Un colpo d'occhio suggestivo, bandiere al vento e lumi stretti in mano.

Fiaccolata coordinata dalla Croce rossa

La manifestazione è stata organizzata da un'estesa rete di associazioni e coordinata dalla Croce rossa di Caravaggio. Insieme ai volontari del soccorso a organizzare l’evento ci sono l’Amministrazione comunale e un lungo elenco di gruppi cittadini: Acli, Azione cattolica, Agesci, Movimento dei focolari, Comunione e liberazione, Caritas, Aido, Avis, «Aiutiamoli a vivere», «Fondazione don Pidrì e don Pierino», «Chei de la Bosnia», «Gruppo catechisti», «Baristi e volontari oratorio», «Arkis», «Amici di don Maurizio», «Libertas», «Corpo di Bacco, «Associazione Alpini», «Gruppo di San Bernardino».

10 foto Sfoglia la gallery

Da Largo Cavenaghi al Santuario di Caravaggio

«Pierluigi Lanzeni ha lanciato l’idea e l’abbiamo subito accolta, chiamando a raccolta le associazioni e inviando una lettera d’invito ai sindaci del nostro comprensorio, Misano, Calvenzano, Pagazzano, Fornovo - ha spiegato il presidente del comitato Carmine Musio - la manifestazione sarà seguita dalla Polizia locale e sarà necessario mantenere il distanziamento. Partiremo da largo Cavenaghi e raggiungeremo il Santuario, durante il percorso alcuni giovani leggeranno dei brani sulla pace e, giunti alla meta, l’articolo 5 della Costituzione, che tratta sempre della pace. Infine nostri volontari e scout che faranno delle riflessioni e ci sarà la benedizione». «Le candele saranno lasciate ai partecipanti - ha aggiunto Lanzeni - potranno esporle alle finestre per “illuminare la notte”».

Da largo Cavenaghi, la fiaccolata ha raggiunto il Santuario di Santa Maria del Fonte, accompagnata dai carabinieri in congedo e dalle Forze dell'ordine. Durante il percorso alcune letture da parte di giovani e, giunti alla meta, il testimone è passato ai ragazzi delle scuole. Poi la toccante testimonianza di una 17enne profuga, che ha raccontato la paura vissuta nel Paese natale e la fuga. A parlare anche due bambini italo-ucraini che vivono l'angoscia di sapere i nonni materni in pericolo. A chiudere la benedizione del parroco don Giansante Fusar Imperatore. Domani, una manifestazione analoga si terrà a Romano di Lombardia

Leggi anche - Artisti in campo per l'Ucraina: l'asta benefica lanciata da Ema Grazioli

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter