Treviglio

Il concertone della Bcc: dall'Aida ai Blues Brothers, in memoria di Alfredo Ferri

Coop Lombardia nominata "socio onorario" della Bcc. E il presidente della Federazione invita a celebrare "l'attualità del pensiero" di un grande trevigliese.

Il concertone della Bcc: dall'Aida ai Blues Brothers, in memoria di Alfredo Ferri
Attualità Treviglio città, 12 Settembre 2021 ore 11:00

Da un applauditissimo Barbiere di Siviglia di Rossini, fino all'Aida di Verdi , dai travolgenti "classiconi" jazz dei Blues Brothers, fino ad un adattamento per banda delle musiche degli Abba. Pienone ieri sera, sabato, in piazza del Santuario, a Treviglio, per il tradizionale Concerto d'estate del Corpo musicale Città di Treviglio, organizzato da Cassa Rurale Bcc Treviglio in memoria, quest'anno, dei cento anni dalla nascita del presidente Alfredo Ferri. Un grande trevigliese, come l'ha ricordato ieri sera il presidente della Federazione lombarda delle Bcc Alessandro Azzi, di cui "occorre ricordare e celebrare l'attualità del pensiero".

8 foto Sfoglia la gallery

Il 35esimo concerto di Bcc Treviglio

La 35esima edizione del concerto organizzato dalla banca cittadina si è tenuto, per la prima volta, "fuori dalle mura amiche del cortile delle Canossiane", come ha spiegato il presidente di Bcc Treviglio Giovanni Grazioli che ha presentato la serata insieme a Daniela Invernizzi.
Sul palco i musicisti della banda cittadina, diretti dal maestro Antonio Rosario Miraglia (nella foto in alto, sul podio). Folto il pubblico: tra le sedie in piazza non c'era più posto e in molti hanno assistito allo spettacolo dal "loggione" di viale del Partigiano.

La collaborazione con la BB band

L'ultima parte del concerto, apprezzatissima, è stata una sorta di sperimentazione: per la prima volta, i bandisti hanno infatti condiviso il palco con la BB tribute band, formazione jazz trevigliese il cui progetto consiste in un tributo all'intramontabile colonna sonora del celeberrimo film con John Belushi e Dan Aykroyd.

Non solo musica: Coop Lombardia socia onoraria

Tra un brano e l'altro è stata però anche una serata "istituzionale" per Bcc Treviglio, la prima di una rassegna di quattro eventi in programma per questo e per il prossimo weekend. In primis è stato conferito a Coop Lombardia - nelle mani del presidente Daniele Ferrè, presente alla serata - il riconoscimento di Socia onoraria di Bcc Treviglio. A firmare l'atto, insieme a Grazioli, il direttore generale della Bcc Roberto Nicelli.

"Siamo quasi coetanei e condividiamo gli stessi valori di mutualità e di vicinanza al territorio" ha spiegato Ferrè: Coop Lombardia - che oggi è una delle più radicate reti di supermercati in Regione - nacque infatti a Muggiò pochi anni prima che monsignor Ambrogio Portaluppi, a Treviglio, inventasse la cooperazione sociale e bancaria tra i contadini della Bassa. E' intervenuto anche il sindaco Juri Imeri, in platea insieme alla vice Pinuccia Prandina. "Parlando con Ferrè, pochi minuti prima del concerto, ho avuto un lapsus... - ha raccontato il sindaco al microfono - Mi sono complimentato con lui per questa "cittadinanza onoraria" di Bcc Treviglio. Beh, un po' è davvero così: la Cassa rurale è davvero una parte integrante di questa città".

In memoria di Alfredo Ferri

Un passo avanti nella storia per raccontare il tributo a un altro grande del movimento cooperativo non solo lombardo: Alfredo Ferri. Lo storico presidente di Bcc Treviglio, nato nel 1921 e mancato nel 2014 dopo sessant'anni ininterrotti di lavoro e poi di guida della Cassa rurale cittadina. L'attuale presidente Grazioli l'ha ricordato ieri sera insieme al suo predecessore (e successore di Ferri) Gianfranco Bonacina, e al presidente della Fondazione Bcc Treviglio Franco Riz, conferendo una targa in memoria del padre ai due figli di Ferri. Al pubblico è stato anche distribuito un volumetto edito dalla stessa banca, sulla vita e sul lavoro (dentro e fuori dalle Bcc) del presidente.

Non solo: un lungo e appassionato ritratto del presidente "per eccellenza" della Bcc è stato dipinto da Alessandro Azzi, presidente della Federazione Lombarda delle Banche di Credito Cooperativo. Che dal palco, ha sollecitato la città a rendersi conto e a celebrare in un evento "dedicato" il lavoro e il pensiero di Alfredo Ferri non solo come "gigante" della cooperazione a Treviglio, ma anche come "maestro nel senso compiuto del termine" per l'intero circuito delle Bcc nazionali.

"Mi considero un suo allievo - ha spiegato Azzi - E c'è un'attualità del suo pensiero, che dovrebbe essere ricordata".

Ancora, sulla Cassa rurale cittadina:

"Ogni banca di credito è differente dalle altre, ma quella di Treviglio è speciale - ha continuato Azzi - Potranno essercene altre, che hanno fatto più business magari e che sono diventate più grandi. Ma qui, davvero, il bene si è fatto opera".

Oggi c'è il  Veteran Trophy

Il primo weekend di eventi della Cassa rurale proseguirà oggi pomeriggio, domenica 12 settembre, con il Veteran Trophy: in città arriveranno decine di auto d'epoca, per un giro che prenderà le mosse dal Museo della Same.