Sport
Sport - Basket

Nuovo corso ambizioso della Blu Basket nel segno di Mascio

Il 43enne imprenditore è il nuovo presidente, raccoglie il testimone da Gianfranco Testa, e con il suo "Gruppo Mascio" è anche main sponsor di Treviglio con l'ambizione di portarla ai massimi livelli.

Nuovo corso ambizioso della Blu Basket nel segno di Mascio
Sport Treviglio città, 16 Luglio 2021 ore 11:27

La Blu Basket 1971 Treviglio ha presentato il nuovo corso ambizioso per la società di basket che compie 50 anni. Al timone, come presidente, il 43enne imprenditore Stefano Mascio che con il suo "Gruppo Mascio" è anche il nuovo main sponsor. Gli obiettivi? "E' un progetto sportivo di medio periodo che ha l’obiettivo di raggiungere la massima serie".

Un nuovo corso ambizioso per la Blu Basket 1971

E' stato presentato ieri sera, giovedì 15 luglio, il nuovo corso ambizioso della Blu Basket 1971 Treviglio. Nella splendida cornice della Corte Berghemina al castello visconteo di Pagazzano la società di via del Bosco, nell'anno del 50° anniversario di fondazione, davanti a 200 persone - tra sponsor, autorità civile e religiose, tifosi e addetti ai lavori - ha annunciato le novità societarie e sportive per il prossimo triennio. Triennio che si apre nel segno di Stefano Mascio. Il 43enne imprenditore - che ieri festeggiava anche il compleanno - raccoglie il testimone alla presidenza della società da Gianfranco Testa, dopo 10 stagioni importanti alla Blu Basket. Testa, che resterà nella compagine societaria. Altra novità di spicco è il nuovo main sponsor che è il "Gruppo Mascio" di Mornico - di cui Stefano è il direttore generale - uno dei player italiani di riferimento del movimento terra e della cantieristica. Anche in questo caso c'è stato il passaggio del testimone dalla BCC di Treviglio, guidata dal presidente Giovanni Grazioli, dopo due stagioni da main sponsor della Blu Basket. La serata è stata l'occasione per presentare ufficialmente il nuovo coach Michele Carrea e di annunciare la conferma del capitano Davide Reati.

Un progetto sportivo che allarga gli orizzonti

"Lo sport non è solo passione agonistica e tecnica da appassionati. Lo sport è anche, se non soprattutto, valore economico e sociale. È un fortissimo collante, una leva di aggregazione e di coesione per la comunità - commenta il neo presidente Stefano Mascio -. Il nuovo corso di Blu Basket punta a far sì che il basket possa rappresentare un’ulteriore opportunità di sviluppo per il territorio e per Treviglio, un’area già motore per la crescita di tutto il paese. Si tratta di un progetto sportivo di medio periodo che ha l’obiettivo di raggiungere la massima serie. Stiamo ponendo le basi attraverso scelte oculate, nel totale rispetto del valore umano e professionale dei giocatori, dei soci e del management della società".
A portare i saluti dell'Amministrazione comunale di Treviglio è stato il sindaco Juri Imeri che ha sottolineato la serietà con cui la Blu Basket ha sempre lavorato in sinergia con le istituzioni, portando con onore il nome di Treviglio in tutta Italia. A salutare il nuovo corso societario era presente anche il vicepresidente vicario della Fip Gaetano Laguardia che ha sottolineato come Treviglio, nel panorama cestistico italiano, rappresenti una realtà radicata e solida che conserva il codice di affiliazione - 1010 - dalla sua fondazione all'oratorio Salesiano nel 1971.

39 foto Sfoglia la gallery

La palla a coach Carrea, dal mercato due stranieri

Coach Michele Carrea ha dimostrato entusiasmo nell'affrontare questa nuova sfida professionale e sportiva. In sinergia con gli uomini mercato della Blu Basket, il General manager Euclide Insogna e il direttore sportivo Massimo Gritti, Treviglio ha già piazzato tre colpi: l'ala 35enne Brian Sacchetti, ex azzurro, con un curriculum di spessore in serie A; l'esperto playmaker Marco Venuto che ha lunghi trascorsi in serie A2 e il pari ruolo Yancarlos Rodriguez, regista di origini dominicane nell'ultima stagione a Forlì. Con le conferme di capitan Davide Reati, di Matteo Bogliardi e dell'ala Ion Lupusor e il ritorno dal prestito a Biella del lungo Ursulo D'Almeida sta prendendo forma il roster per la stagione 2021/2022. All'appello manca ancora un italiano - e i "rumors" di mercato danno prossima la firma della guardia 21enne Federico Miaschi - e la scelta della coppia di stranieri. "Uno sarà una guardia-ala, un esterno - i profili individuati da coach Carrea - mentre l'altro sarà un lungo. Stiamo lavorando per fare le migliori scelte possibili". E intanto i tifosi possono già sognare una stagione ricca di soddisfazioni, fuori e dentro il campo.