Treviglio al voto

"Treviglio aperta" si presenta, la lista "donna e giovane" a sostegno di Matilde Tura

La lista che sostiene Matilde Tura ha proposta cinque punti presentati sabato al "Bar Mauro" nella frazione di Castel Cerreto.

"Treviglio aperta" si presenta, la lista "donna e giovane" a sostegno di Matilde Tura
Politica Treviglio città, 19 Luglio 2021 ore 09:53

E' una delle sette liste che sosterranno la candidata sindaco del centrosinistra Matilde Tura alle prossime amministrative in autunno. Una lista che - loro stessi - hanno definito "donna e giovane" ma con le idee chiare. Idee, in cinque punti, che sono state presentate sabato al "Bar Mauro" nella frazione di Castel Cerreto.

"Treviglio aperta" si presenta

Ad illustrare gli obiettivi della lista ci ha pensato il coordinatore e promotore della lista Simone Oggionni.

"Treviglio aperta è un progetto che in città mancava da troppo tempo - ha detto - Un progetto che nasce con l’obiettivo dell’unità e dell’utilità a sinistra. Abbiamo svolto sin da subito - e lo rivendichiamo con un po’ orgoglio - questa funzione di collante tra Pd e Cinque Stelle e non solo, per costruire una coalizione ampia che da subito ha individuato in Matilde Tura un punto di riferimento essenziale".

I cinque punti

"Treviglio aperta" vuole dare voce alla sinistra, attraverso nuove idee su cinque macroaree: l'ambiente, la salute, l'inclusività, il lavoro, il sostegno del lavoro femminile. Una Treviglio verde "che non vuol dire soltanto dire no al progetto del 2012 dell’autostrada e dire sì alla rigenerazione urbana e ambientale, da un piano di manutenzione degli immobili pubblici alla tutela e valorizzazione del Plis della Gera d’Adda". Una città inclusiva, aperta a tutti, con "un welfare cittadino giusto e universale". Una città "dove nessuno è straniero, aperta, accogliente, solidale". Ma anche una città che cura, con una sanità pubblica diffusa e territorializzata che porta avanti la proposta di un infermiere di comunità. E ancora una Treviglio che produce: "Vogliamo essere la sinistra del lavoro. Per questo per noi è essenziale il dialogo con i lavoratori e apriamo le porte e le finestre al mondo operaio e del lavoro nelle sue diverse forme".

Ma il cuore della proposta politica di "Treviglio aperta" sono le donne:

"La scelta di guardare il mondo e la politica cittadina a partire dal punto di vista delle donne - spiega Oggionni - Il Comune può fare molto: sostenere l’occupazione femminile, l’imprenditorialità femminile (a partire da un fondo per la micro-impresa femminile), combattere in tutte le forme la violenza di genere, promuovere le pari opportunità. Per questo la nostra lista è donna".

La lista

4 foto Sfoglia la gallery

La lista sarà composta da almeno il 50% di donne e avrà, ai primi tre posti, tre donne: Silvia Odone, nata a Bergamo, 53 anni e insegnante al Weil, Laura Ghirlandetti, 38 anni, operatrice culturale, Ingrid Galleani, 38 anni, impiegata del credito. Subito dopo di loro tre giovani: Andrea de Paoli, 27 anni, impegnato nel terzo settore, Filippo Cornelli 28 anni, impiegato, e Manuel Di Dio, 18 anni studente all’ultimo anno di scuola.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola venerdì 23 luglio.