Sicurezza a Treviglio, guardie giurate per vigilare sui beni della città

E' la proposta contenuta nella mozione presentata dal consigliere azzurro Gianluca Pignatelli.

Sicurezza a Treviglio, guardie giurate per vigilare sui beni della città
Treviglio città, 26 Luglio 2019 ore 10:57

Sicurezza a Treviglio, guardie giurate per vigilare sui beni della città. E’ la proposta contenuta nella mozione presentata lo scorso 23 luglio dal consigliere di minoranza Gianluca Pignatelli (Forza Italia) alla luce dei colpi messi a segno anche a Treviglio negli ultimi mesi.

Spaccate e furti

A spingere il consigliere azzurro a presentare la proposta in tema di sicurezza sono stati i colpi messi a segno a Treviglio negli ultimi mesi. Ne è un esempio l’ultimo assalto avvenuto nel giugno scorso ai danni di un noto esercizio commerciale del centro storico. Il furto è stato messo a segno alle 5 del mattino nonostante la presenza di telecamere. Ma di spaccate e furti, sul territorio, se ne contano molti.

Sicurezza a Treviglio

Colpi spesso mandati in fumo proprio dall’intervento delle Forze dell’ordine che si trovano in zona, come è accaduto a febbraio, durante la tentata spaccata alla gioielleria Torelli di via Roma che solo qualche mese prima aveva subito un’altra spaccata, anche quella senza bottino.

“Il lavoro delle Forze dell’ordine e del Comando di Polizia locale di Treviglio è encomiabile – ha sottolineato Pignatelli – tuttavia, variabili indipendenti dalla volontà degli operatori, tra cui la consistenza delle piante organiche, i turni e gli orari di servizio, l’ampiezza del territorio rendono impossibile un presidio più capillare della città”.

Guardie giurate a presidio dei beni pubblici

Per questo Pignatelli ha deciso di proporre l’utilizzo delle guardie particolari giurate, per permettere un presidio più efficace dei beni pubblici.

“Per sgravare il lavoro delle Forze dell’ordine le Pubbliche Amministrazioni usano spesso le guardie particolari giurate, ne sono un esempio Trenord e Ygea – ha proseguito – l’Amministrazione comunale potrebbe quindi impiegarle per la vigilanza dei propri beni e quindi anche di strade e piazze, negli orari in cui la Polizia locale non opera, garantendo la presenza continuativa di soggetti professionalmente addestrati a svolgere attività di controllo e vigilanza”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia