Politica
centro prelievi

Chiude il centro prelievi di Ghisalba, il sindaco: "Cerchiamo un gestore"

L'Amministrazione comunale sta lavorando per trovare una soluzione

Chiude il centro prelievi di Ghisalba, il sindaco: "Cerchiamo un gestore"
Politica Media pianura, 08 Ottobre 2022 ore 10:28

Il centro prelievi non sarà più attivo a Ghisalba. Lo stop al servizio è stato reso noto dal primo cittadino Gianluigi Conti, al termine del Consiglio comunale. Una mancanza non di poco conto, per il consigliere comunale di minoranza Gianmaria Pezzoli che ha voluto commentare la notizia.

Il commento di Pezzoli

 "Siamo turbati dalla comunicazione finale del sindaco che informava dell’intenzione della società Bianalisi, affidataria in convenzione del centro prelievi, di rinunciare ad espletare il servizio a partire dall’8 novembre e del suo conseguente interessamento a ricercare altri laboratori d’analisi disponibili a subentrare – ha detto Pezzoli –  A tal proposito la Lista Civica per Ghisalba ritiene che l’Amministrazione Conti debba fare ogni possibile sforzo, anche economico, per dare continuità operativa al centro prelievi, voluto ed istituito dalla precedente amministrazione Pezzoli, considerato allora, come ora, servizio oltremodo utile al la popolazione di Ghisalba ed in particolare alla fascia più fragile della stessa. Si ritiene quindi doveroso che il sindaco Conti debba garantire il proseguimento del servizio prelievi anche impegnandovi, se necessario, le occorrenti risorse economiche che certo non gli mancheranno dopo aver elevato il prelievo Irpef a 670mila euro,  rispetto ai 145mila euro dell’Amministrazione Pezzoli. Diversamente il sindaco Conti otterrà , in spregio delle ben diverse promesse elettorali, il non invidiabile risultato di aver incrementato a dismisura il prelievo fiscale cancellando nel contempo un servizio essenziale per i ghisalbesi".

La replica del sindaco

A fornire chiarimenti è stato il sindaco Gianluigi Conti. "Voglio tranquillizzare Pezzoli: io e i componenti della Giunta stiamo facendo ogni sforzo possibile per reperire un nuovo soggetto che garantisca ai cittadini la continuità del servizio prelievi sul territorio e siamo ben consapevoli dell’utilità di questo servizio – ha detto –  siamo stati proprio noi a incrementare il servizio che, dal 2020, viene garantito tre giorni alla settimana, invece dei due richiesti dalla precedente Amministrazione. Le difficoltà economiche della Società che assicura attualmente il servizio, purtroppo porterà alla chiusura del punto prelievi non solo a Ghisalba, ma in altri 4 comuni. Le difficoltà che stiamo riscontrando nel trovare un altro soggetto che ci garantisca questo servizio sono dovute al metodo di remunerazione di questa attività da parte della Regione Lombardia, che non paga ogni prestazione eseguita, ma stabilisce un budget annuale per ogni gestore privato accreditato. Se un laboratorio, per soddisfare la richiesta di prelievi, va oltre il budget stabilito dalla Regione, non viene pagato e, di conseguenza, lavora in perdita. E’ ovvio che a nessuno si può chiedere di lavorare in perdita. Quando Pezzoli chiede di impegnare risorse economiche del Comune per garantire il servizio prelievi, dimostra in modo palese di non conoscere le regole elementari della gestione economica degli Enti Locali. Non è compito del Comune garantire un centro prelievi sul territorio comunale. Sono altri i servizi che il Comune deve garantire per dovere istituzionale! Non è corretto pagare con i soldi di tutti i cittadini un servizio che sarebbe utilizzato solo da alcuni, soprattutto tenendo conto che il servizio è garantito, a pochi chilometri di distanza, dalle strutture dell’Ats, che ha il compito istituzionale di svolgere questo servizio. Meraviglia inoltre che Pezzoli finga di non sapere a cosa servono le somme che derivano dall’aumento dell’addizionale Irpef che questa Amministrazione ha dovuto a malincuore aumentare per portare in equilibrio un Bilancio che la precedente Amministrazione ci ha consegnato in grave squilibrio. L’Assessore Sara Bosis l’ha spiegato in modo chiaro in tutti i Consigli Comunali in cui si parla di Bilancio Comunale: evidentemente Pezzoli o non capisce o….ha come unico scopo quello di polemizzare a prescindere. Infine gli voglio ricordare che, le difficoltà economiche causate dalla pandemia, dall’inflazione e dall’attuale guerra in Ucraina, hanno determinato una diminuzione delle entrate economiche delle famiglie e delle attività produttive, con conseguente diminuzione anche del gettito Irpef".

Seguici sui nostri canali