Treviglio

Conte a Treviglio: "So che qui stanno costruendo 20-30-40 supermercati... A quanti dobbiamo arrivare?"

Il presidente del M5S è arrivato in auto in piazza Cameroni, accolto da diversi supporter. Passeggiata in centro e comizio.

Conte a Treviglio: "So che qui stanno costruendo 20-30-40 supermercati... A quanti dobbiamo arrivare?"
Politica Treviglio città, 08 Settembre 2021 ore 11:31

Bagno di folla questa mattina, mercoledì 8 settembre, a Treviglio per l'ex premier Giuseppe Conte. Il leader del Movimento Cinque Stelle era in città per sostenere la lista  pentastellata alle prossime elezioni comunali. All'arrivo, in piazza Cameroni, è stato letteralmente "preso d'assalto" da diversi supporter.

13 foto Sfoglia la gallery

Giuseppe Conte a Treviglio

Il presidente del M5S è arrivato in auto in piazza Cameroni. Da lì il programma prevedeva che di percorrere via Sangalli e via Verga, fino ad arrivare in piazza Manara. Una "passeggiata" per il centro perfettamente pianificata e studiata dallo staff, che nei giorni scorsi aveva preso contatto con il Movimento cittadino. In realtà, il comizio non si è tenuto però   in piazza Manara, come inizialmente previsto, ma al Mercato coperto della stessa piazza Cameroni.

Conte ha parlato di Reddito di cittadinanza, ma anche di pandemia e del quadro generale delle alleanze politiche in vista delle comunali, ma non solo. Ha incontrato la candidata sindaco Matilde Tura e trattato anche alcuni temi "molto trevigliesi".

Il Reddito di cittadinanza? "Senza, sarebbe stato un disastro"

Conte ha difeso il Reddito di cittadinanza,  in netta contrapposizione con Matteo Salvini che invece proprio da Caravaggio, sabato, aveva criticato pesantemente il provvedimento del governo giallo-verde di cui pure aveva fatto parte.

"Abbiamo avuto un milione di nuove povertà durante la pandemia. Senza una misura del genere, sarebbe stato un disastro sociale. Detto questo, il M5S è in prima linea per migliorarlo. E non possiamo tollerare nemmeno un abuso. Ogni abuso è un'offesa a chi ne ha diritto. Ho parlato con tanti del RdC: da Napoli al Veneto alla Lombardia. Sono gli stessi percettori del reddito ci chiedono dignità sociale: vogliono lavorare. Quelle che non sono funzionate sono state le politiche attive per il lavoro, in mano ai Comuni e alle Regioni".

Il quadro politico: "Noi alternativi alle destre"

Sul quadro politico generale e sul futuro del M5S, il neopresidente del Movimento ha pochi dubbi.

"Un segnale di rinnovamento lo stiamo già dando - ha detto Conte, rispondendo a una domanda sulla situazione politica di Treviglio, dove il M5S è alleato del centrosinistra a sostegno di Matilde Tura - In generale, ma riguarda anche Treviglio, dialoghiamo dal punto di vista politico con il Pd e con Leu: in alcune realtà riusciamo ad andare insieme, altrove no, per situazioni locali. L'importante è la traiettoria politica generale, che è alternativa a quella delle destre".

Sul suo governo in pandemia: "Con la destra avremmo chiuso e riaperto sulla base dei sondaggi"

Come accaduto durante la pandemia, ha spiegato ancora Conte, anche facendo riferimento alle scelte del suo governo nei primi mesi del 2020.

"Se ci fossimo affidati alle ricette contrastanti e mutevoli del centrodestra, avremmo dovuto chiudere e riaprire a seconda dei sondaggi. Io non l'ho mai fatto: abbiamo avuto una linea di tutela dei cittadini, e pensato a mettere in sicurezza il Paese senza guardare i sondaggi".

Green Pass: La Lega chiarisca

Ancora sulla Lega, infine, che ieri ha votato con FdI gli emendamenti anti-Green Pass di Fratelli d'Italia.

"Fratelli d'Italia non ha voluto assumersi la responsabilità di condividere la salvezza del paese e ora può dire tutto e il contrario di tutto. La Lega si è assunta invece questa responsabilità e dev'essere conseguente. Ora chiarisca la sua posizione" è la richiesta dell'ex premier.

Giuseppe Conte a Treviglio con i candidati del M5S e il consigliere regionale Dario Violi

"Basta supermercati a Treviglio"

Conte è intervenuto anche su uno dei temi più caldi della campagna elettorale trevigliese, il proliferare dei centri commerciali di piccole/medie dimensioni in città.

"So che qui stanno costruendo 20-30-40 supermercati... A quanti dobbiamo arrivare?" ha detto, ironico.

Tura: "Prorogare il super bonus per l'edilizia"

Alla     passeggiata ha partecipato anche la candidata sindaco Matilde Tura, che ha salutato Conte e ha chiesto al presidente del M5S di attivarsi presso il Governo per prorogare il super bonus edilizio del 110%. "Una misura fondamentale per la nostra zona - ha spiegato Tura - Soprattutto in questo territorio, in cui l'edilizia è una fetta importante del tessuto economico, per noi è molto importante. Rigenerare, recuperare, tenere insieme l'economia con l'ecologia".

"Matilde, tu sai che il M5S è stato in prima fila per elaborare il superbonus - ha detto Tura - Noi siamo assolutamente per la proroga. Il settore delle costruzioni era uno di quelli più declinante, una filiera produttiva molto importante. Adesso è il volano della ripresa. In passato c'era una logica del consumo di suolo: costruire, costruire, costruire. Ora dobbiamo fare un uso intelligente e sostenibile del suolo e mi fa piacere che sposi questa linea".

La contestazione

Non è mancata qualche contestazione. Una donna, in particolare, ha esposto un cartello con scritto "Grazie per aver calpestato la Costituzione italiana". Il riferimento, spiega, è a una multa presa durante il secondo lockdown.

Seguono aggiornamenti