Economia
Covo

Dall'Alimonti alla Castellana: Covo fa ripartire i cantieri "incagliati"

Il Comune ha investito molte energie per far ripartire progetti che, crisi economica dopo crisi economica, si erano arenati.

Economia Romanese, 16 Ottobre 2022 ore 10:06

Era fermo dagli anni Ottanta, ormai, il piano di lottizzazione sul quale nel giro di soli otto mesi è stato immaginato, pensato, progettato, costruito e inaugurato il nuovo ipermercato Iperal,  che ha aperto le porte ai cittadini di Covo e Romano mercoledì mattina. Un risultato urbanisticamente ma anche politicamente fondamentale per il sindaco di Covo Andrea Capelletti, leghista, che ha investito molte energie per dare una netta accelerazione a tanti, troppi piani di lottizzazione o di recupero che negli anni, crisi economica dopo crisi economica, si erano arenati.

 

Dalla Castellana a Campo Rampino, passando per l'ex Alimonti di Covo

I piani di recupero o le lottizzazioni "interrotte" nel corso degli ultimi anni sono stati almeno tre, complice il "traino" delle infrastrutture. Tra i principali c'è ovviamente quello della Castellana, che era fermo da decenni e che probabilmente - dopo Iperal - vedrà l'apertura anche di altre strutture. Ma anche la bonifica della "bomba ecologica" dell'ex Alimonti, a due passi dal centro, è stato un passo avanti fondamentale.

 

"Come Amministrazione comunale ci siamo posti da subito l'obiettivo di sviluppare quelle aree artigianali, quei piani di lottizzazione, che erano fermi da anni - ha spiegato il sindaco a latere del taglio del nastro, mercoledì - Aree che costavano, alle proprietà, Imu e tasse su aree ferme e che causavano anche un mancato sviluppo del territorio. Un impegno che possiamo dire, con orgoglio, aver centrato. Parlo della lottizzazione di via Campo Rampino, dov'è stato realizzato un polo Italtrans, grazie alla famiglia Bellina. Quello della Castellana, in cui è sorto Iperal, dopo 40 anni di attesa e che speriamo sia il primo di una serie di interventi. E infine l'area dell'ex Alimonti, un'area degradata, che dopo anni è stata bonificata dall'Eternit dopo la demolizione. Anche qui, nei prossimi mesi vedremo lo sviluppo di un'altra attività. Sono interventi importanti, che fanno ricadere benefici su tutta la comunità e che sono riusciti, va detto, grazie alla collaborazione di tutti gli attori che agiscono sul territorio".

Seguici sui nostri canali