Cronaca
Cologno

Suicida in carcere l'assassino di Zina

Era a processo per l'agghiacciante femminicidio dell'ottobre 2019 a Cologno.

Suicida in carcere l'assassino di Zina
Cronaca Media pianura, 08 Maggio 2021 ore 09:22

Si è tolto la vita in carcere nella notte tra giovedì e ieri Maurizio Quattrocchi, il muratore 49enne che un anno e mezzo fa, nell'ottobre 2019, uccise la moglie Zinaida Solonari, 36 anni. Era a processo per omicidio, reo confesso per l'agghiacciante femminicidio avvenuto a Cologno al Serio, e martedì sarebbe stato ascoltato dai giudici.

codice rosso
Zinaida Solonari

Trovato morto dal compagno di cella

Quattrocchi si è tolto la vita nel bagno della cella che divideva con un altro detenuto, nel carcere di via Gleno a Bergamo. Avrebbe lasciato anche un biglietto per i familiari, spiegando di essere stato sopraffatto dal rimorso per l'assassinio. E' stato il compagno di cella a dare l'allarme, allertando la polizia penitenziaria.