Femminicidio di Cologno, il marito confessa: “L’ho uccisa, non se lo meritava”

E' accusato di omicidio aggravato. Al 47enne è stata contestata anche la premeditazione.

Femminicidio di Cologno, il marito confessa: “L’ho uccisa, non se lo meritava”
Romanese, 09 Ottobre 2019 ore 08:46

Ha parlato per un quarto d’ora, Maurizio Quattrocchi, l’operaio edile di 47 anni in carcere con l’accusa di omicidio aggravato per aver ucciso a coltellate la moglie Zinaida Solonari nella notte tra sabato e domenica a Cologno al Serio. Un interrogatorio in cui l’uomo ha ammesso di aver ucciso la 36enne con cui era sposato da 13 anni e con la quale aveva 3 figlie di 16, 12 e 8 anni.

Il marito confessa

“La gelosia mi ha trasformato in una bestia – ha detto in lacrime – Non se lo meritava, non volevo ucciderla”. Secondo quando raccontato dall’uomo al Gip Federica Gaudino i problemi di coppia con Zina sarebbero iniziati dopo l’estate. La donna aveva deciso di lasciarlo e avevano iniziato a litigare. Discussioni anche molto forti che avevano spinto la 36enne a denunciare il marito e a trasferirsi, su consiglio dei carabinieri, a casa della sorella. Ma proprio davanti a quella casa, rientrando dal lavoro, ha trovato la morte.

Contestata la premeditazione

A Quattrocchi, difeso dall’avvocato d’ufficio Roberta Campana, è stata contestata anche la premeditazione, ma sull’arma del delitto, un coltello a serramanico il 47enne ha continuato a sostenere di non ricordare di averlo portato con sé ma di averlo trovato nel sottoscala da dove ha sferrato l’agguato alla moglie.

LEGGI ANCHE: L’omicidio poi la fuga: le fasi dell’arresto dell’assassino di Cologno

LEGGI ANCHE: Zina era sotto codice rosso, la prima denuncia due settimane prima

LEGGI ANCHE: “Non si uccide per amore, non si uccide per gelosia”

LEGGI ANCHE: Femminicidio a Cologno, marito uccide la moglie di 36 anni

TORNA ALLA HOME

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia