Menu
Cerca
Nella Bassa

“Se manifestate vi denuncio”, salta la protesta dei commercianti di Spirano

Questa mattina avevano annunciato l'intenzione di scendere in piazza e manifestare contro la decisione del Governo di rimandare le aperture al 1 giugno.

“Se manifestate vi denuncio”, salta la protesta dei commercianti di Spirano
Cronaca Media pianura, 28 Aprile 2020 ore 17:43

Questa mattina avevano annunciato l’intenzione di scendere in piazza e manifestare contro la decisione del Governo di rimandare le aperture di diverse attività al prossimo 1 giugno. Il fronte dei commercianti spiranesi, però, non si è dimostrato compatto e poco fa hanno dovuto annullare tutto.

Se manifestate vi denuncio

A far saltare “il piano” ci ha pensato un’esercente di Spirano che, venuta a conoscenza dell’iniziativa, ha minacciato di denunciare i colleghi che, in barba al decreto, fossero scesi in piazza a manifestare. Tanto è bastato per annullare la protesta, ma i commercianti hanno garantito che troveranno un altro modo per far sentire la propria voce.

Commercianti in crisi

Proteste che stanno nascendo in molti Comuni, non solo bergamaschi. Proprio ieri a Tolmezzo (Udine) alcuni negozianti sono scesi in piazza per protestare contro la decisione del premier Conte di prolungare la chiusura di molti esercizi come parrucchieri, bar e ristoranti fino al prossimo 1 giugno. Anche la politica si sta muovendo ed è stata annunciata poco fa la presentazione di un’interrogazione indirizzata a Conte e al Ministro Speranza firmata anche dal deputato brignanese Alessandro Sorte (Cambiamo!) per chiedere una riapertura anticipata al 18 maggio.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli