Agivano a Osio

Rapinavano minorenni, arrestato anche il complice 17enne

Tra le vittime c'erano anche due ragazzi, uno minorenne, di Boltiere.

Rapinavano minorenni, arrestato anche il complice 17enne
Cronaca Media pianura, 03 Dicembre 2020 ore 12:09

Rapine seriali a minorenni in provincia di Bergamo con coltello e pistola. Arrestato dai Carabinieri di Treviglio l'altro complice minorenne su ordinanza di custodia cautelare. Tra le vittime anche due ragazzi di Boltiere.

Rapinavano minorenni

Ieri pomeriggio, i Carabinieri del Comando Compagnia di Treviglio, hanno eseguito una Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal Tribunale per i minorenni di Brescia a carico di un minorenne 17enne di origine senegalese della bassa bergamasca che, con altri due connazionali, di cui uno già arrestato a fine settembre, si erano resi autori di diverse rapine in danno di coetanei frequentatori del Luna Park stagionale di Brembate, nei mesi di luglio ed agosto.

Un 20enne già arrestato a settembre

Il 29 settembre scorso era già stata eseguita l’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di B.I.D., 20enne di Brembate (BG) di origine senegalese, a conclusione delle indagini condotte dalla Compagnia di Treviglio e della Stazione di Osio Sotto su una serie di rapine compiute tra i mesi di luglio e agosto nei parchi pubblici dei comuni di Osio Sotto ed Osio Sopra in danno di minori minacciati di morte con una pistola e un coltello. Tra questi c'erano anche due ragazzi di Boltiere che erano stati minacciati e rapinati.

Le rapine

L’arrestato insieme ai due complici minorenni un 17enne senegalese, irreperibile e quello arrestato ieri sono imputati per una rapina commessa in un parco di Osio Sotto il 16 luglio 2020 dal minorenne, in danno di 2 ragazzi, un 23enne ed un minorenne di Boltiere (BG) minacciati con un coltello e costretti a seguirlo in luogo appartato per consegnare ciò che avevano, denaro contante per 155 euro; una rapina in un parco di Osio Sopra il 9 agosto nei confronti di un minorenne di 14 anni proveniente da Dalmine, fermato mentre tornava a casa in bicicletta e minacciato di morte con una pistola, per rubargli un telefono cellulare e una banconota da 10 euro e per una rapina il 13 agosto in un altro parco di Osio Sopra, ai danni di tre minorenni del posto, costretti sotto la minaccia di una pistola a seguire i rapinatori in una stradina buia ed appartata per consegnare i pochi euro che avevano in tasca.

Il minore è stato collocato in una comunità dove rimarrà a disposizione dei magistrati per il previsto interrogatorio di garanzia.

TORNA ALLA HOME