Menu
Cerca

Negozi tartassati dai vigili e scoppia la polemica

Non esiste uno stallo per carico e scarico merci e i fornitori si sono visti appioppare le multe.

Negozi tartassati dai vigili e scoppia la polemica
Treviglio città, 25 Febbraio 2018 ore 07:00

Negozi tartassati dai vigili. Succede a Fara d’Adda, dove i fornitori delle attività che affacciano sulla Sp 184 bis si sono visti appioppare multe dai vigili.

Negozi tartassati

Fornitori tartassati tra via Crespi, via Locatelli e via Bergamo. Nel mirino della Polizia locale sono finite le operazioni di carico e scarico merci, e scoppia la protesta dei commercianti.  Il problema è uno solo: non esiste uno stallo di sosta che consenta a chi deve consegnare le merci alle attività che si affacciano sulla Provinciale 184 bis di lavorare in tranquillità e sicurezza.
Per anni quindi, in assenza di intervento da parte dell’Amministrazione, le Forze dell’ordine hanno tollerato queste operazioni. Ma da quando si è insediato il nuovo comandante Luca Ubbiali la musica è cambiata.
Da una decina di giorni fioccano le multe e qualche corriere si è rifiutato addirittura di ripassare. Così tra i commercianti ha cominciato a serpeggiare un forte malcontento.

Lettera di protesta

Mercoledì mattina in una missiva indirizzata al capo della Polizia locale e al sindaco Arnaldo Pecis, la commerciante ed ex consigliere comunale Giovanna Villa ha sfogato la sua rabbia.
«Chiedo informazioni su come si possa caricare o scaricare un mezzo di trasporto, in zone dove non è presente un parcheggio adibito – si legge – Ultimamente la Polizia locale ha preso di mira tutti i trasportatori che servono gli esercizi commerciali, multandoli. Uno dei miei, di “Tnt”, in una settimana ha preso due multe. Ho parlato con il vigile in questione chiedendo come si possa risolvere il problema. Gli orari di scarico del corriere coincidono con quelli di entrata e uscita della scuola elementare, e in zona è impossibile parcheggiare». Poi ha aggiunto: «Il “nuovo codice della strada” consente la fermata per breve durata, pertanto non capisco perché non sia concessa senza che vengano comminate sanzioni. La domanda è: come dobbiamo comportarci per gli scarichi e carichi futuri?».

La replica del comandante della Locale

Il comandante della Polizia locale non si è sottratto al quesito, parlando chiaro: «Gli agenti fanno il loro lavoro – ha spiegato – Qualche minuto può essere tollerato, ma non possiamo consentire che accadano incidenti. Capisco la situazione dei commercianti e per questo ho già fatto presente all’Amministrazione della necessità di uno stallo per lo carico/scarico merci in via Locatelli».

Condividi