Menu
Cerca
Lutto collettivo

La Bassa ferita dal Coronavirus si ferma per un minuto di silenzio FOTO VIDEO

Silenzio e le bandiere a mezz'asta per ricordarci di tutti coloro che sono stati sconfitti dal virus.

La Bassa ferita dal Coronavirus si ferma per un minuto di silenzio FOTO VIDEO
Cronaca Treviglio città, 01 Aprile 2020 ore 17:11

Un minuto di silenzio in città e paesi già terribilmente silenziosi. E’ l’immagine che, insieme ai carri dell’esercito carichi di bare, ci resterà negli occhi e nel cuore quando questa emergenza sarà finita. Il silenzio e il raccoglimento, la preghiera e l’assenza: il 31 marzo l’Italia, e la Bassa con lei, si è fermata per rendere omaggio ai suoi morti.

La Bassa piange i suoi morti

Morti che non hanno potuto ricevere il saluto dei parenti, famiglie che non hanno potuto elaborare e soffrire il loro lutto, comunità che hanno perso e stanno ancora perdendo intere generazioni quelle più anziane, la nostra memoria storica. Per loro e per i tanti medici, infermieri, operatori sanitari e lavoratori che tutti i giorni combattono contro il Coronavirus i sindaci hanno indossato il tricolore e davanti ai municipi, ai cimiteri, ai monumenti hanno salutato per tutti noi le nostre vittime.

Eccoli i primi cittadini di molti Comuni durante l’omaggio riservato a tutti i caduti:

17 foto Sfoglia la gallery

Qualche sindaco ha voluto invece condividere un breve video per rendere partecipi anche i cittadini e i famigliari delle vittime, tutti costretti a casa. E’ il caso di Vincenzo Trapattoni di Barbata, Silvano Zanoli di Verdellino, ma c’è anche Treviglio grazie alla ripresa di un trevigliese poi condivisa sui social.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli