Cronaca
Treviglio

Il Governo ci ripensa: finanziato il recupero di Santa Maria la Rossa a Treviglio

La ex chiesa di Santa Maria la Rossa diventerà una sala civica e culturale al servizio della Zona Nord. Fondi da Rigenerazione Urbana.

Il Governo ci ripensa: finanziato il recupero di Santa Maria la Rossa a Treviglio
Cronaca Treviglio città, 28 Gennaio 2022 ore 10:56

La doccia era stata davvero gelata. Fino a pochi giorni fa, sembrava infatti che Treviglio non fosse tra le città beneficiarie del bando Rigenerazione urbana, finanziato con parte del Pnrr. I due progetti presentati dal Comune saranno invece finanziati, grazie "a un'aggiunta" da 905 milioni di euro decisa dal Governo, dopo le pressioni della Lega in Parlamento.

Per Treviglio saranno dunque finanziati due progetti: la riqualificazione di Santa Maria la Rossa e il primo lotto per il rilancio della Biblioteca centrale. Un milione di euro, la somma necessaria per il primo: il recupero della ex chiesa del casale dei Cappuccini di via Pontirolo. Con altri 500 mila euro partirà il primo lotto per la riqualificazione di una parte del Centro civico, progetto che complessivamente vale 3,6 milioni.

Diventerà una sala civica per la zona Nord

Ma cosa prevede il progetto che sarà trasmesso per la richiesta di finanziamento? Il casale di via Pontirolo è già oggetto di un ampio progetto di riqualificazione da parte dell'Amministrazione, che è intervenuta recentemente sulla parte residenziale pubblica, che si trova sul lato est dello stabile. Ora tocca alla chiesa, la struttura principale del complesso.

"La chiesa è parte integrante del casale, ma è stata purtroppo utilizzata in questi anni per altre funzioni, mentre noi vogliamo recuperarla e trasformarla in una sala civica e culturale a servizio del casale, ma anche della zona Nord e di tutta la città" aveva spiegato lo scorso maggio l'assessore Alessandro Nisoli.

Quanto alla biblioteca, il progetto da realizzare si chiama «biblioATTIVA: 3 nuovi spazi per la cultura a Treviglio. + ragazzi, + mostre, + incontri».

La chiesa di Santa Maria la Rossa

L'ex convento dei Cappuccini fu chiuso nel 1770 ma fino ad allora, per circa tre secoli, era stato un rigoglioso centro religioso per la città. Nato da un piccolo oratorio campestre, dedicato a Santa Maria delle Grazie, di proprietà della famiglia Rozzone, venne ampliato alla fine del Quattrocento. Qualche decennio più tardi era completamente affrescato e sulla parete dell'abside si trovava uno degli affreschi più curiosi di Treviglio. Si tratta della «Vergine con Bambino», oggi conservata nella chiesa di San Carlo accanto ai Salesiani. La Proprio quella Madonna, vestita di rosso, diede il nome alla stessa chiesa attorno alla fine del 16esimo secolo: Santa Maria la Rossa. Nello stesso periodo venne realizzato dai Cappuccini il convento connesso alla struttura. Dal 1585 la chiesa venne chiamata Santa Maria la Rossa. Poi, dopo la soppressione del monastero, diventò una casa colonica e anche la stessa chiesa su fu divisa in diversi appartamenti, su due piani. L’affresco della Vergine fu quindi strappato e collocato nella piccola chiesetta di vicolo Zanovello.

Festeggia la Lega

Festeggia la Lega, che dopo l'esclusione dal Bando di molti Comuni del Nord aveva fatto pressione sul governo per riprire i cordoni della borsa.
“Siamo soddisfatti dell’annuncio del Governo di un ulteriore stanziamento di 905 milioni per i progetti di rigenerazione urbana: grazie a questo ulteriore stanziamento, per quanto riguarda la nostra provincia, potranno essere finanziati anche i progetti di rigenerazione urbana di Treviglio, Seriate e Dalmine" ha commentato il deputato Cristian Invernizzi. "In questo modo, grazie alla pressione della Lega al Governo, con i suoi ministri, con i suoi parlamentari lombardi e bergamaschi, si è posto rimedio alla penalizzazione dei Comuni del Nord a causa dell’indice di vulnerabilità (un dato complesso basato sul reddito pro capite), che aveva determinato, di fatto, l’esclusione dal precedente bando di due terzi dei Comuni lombardi che si erano

Anche Seriate e Dalmine

I nuovi fondi sosterranno anche la riqualificazione della scuola Aldo Moro di Seriate e altri interventi su alcune scuole del Comune di Dalmine.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter