Menu
Cerca

Fatte brillare le bombe del lago d’Iseo nella cava di Palosco

Le operazioni di bonifica risalgono ai primi di dicembre.

Fatte brillare le bombe del lago d’Iseo nella cava di Palosco
Romanese, 01 Gennaio 2020 ore 11:59

Le bombe dei due conflitti mondiali ritrovate sul fondo del lago d’Iseo sono state fatte brillare in questi giorni anche nella cava di Palosco.

Brillate le bombe ritrovate sui fondali

La bonifica del lago d’Iseo con i dragaggi era stata programmata a seguito delle segnalazioni dei sommozzatori che lo scorso settembre, a Tavernola avevano individuato la carcassa dell’auto di Rosario Tilotta, scomparso anni prima. Durante le ispezioni del fondale i carabinieri avevano individuato anche una discarica di gomme e numerose bombe risalenti alla prima e alla seconda guerra mondiale.

Le operazioni di dragaggio

Ad essere impegnati nelle operazioni di bonifica, durate una decina di giorni tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre, sono stati il raggruppamento subacquei e incursori di La Spezia e gli artificieri del decimo Reggimento guastatori di Cremona. Circa 300 ordigni bellici sono stati recuperati a 50 metri di profondità.

La cava di Palosco

Dal lago, gli ordigni sono stati trasportati in apposite casse sia nella vicina cava a Parzanica, sia a quella di Palosco lungo la sp 573. Nei giorni scorsi anche i paloschesi hanno assistito alle detonazioni e alle nubi di fumo e polvere sollevate dai brillamenti, ed erano stati preventivamente avvisati delle operazioni in corso.

TORNA ALLA HOME