Cronaca
Pontirolo

Dipendenze, Aga contro la conferenza nazionale di Genova: "Occasione di confronto sprecata"

Dal monitoraggio dell'associazione nel 2020 il consumo di droghe nella Bassa era risultato più alto che a Milano.

Dipendenze, Aga contro la conferenza nazionale di Genova: "Occasione di confronto sprecata"
Cronaca Gera d'Adda, 30 Novembre 2021 ore 17:03

"Un'occasione di confronto sprecata". Così il presidente dell'Aga, l'associazione genitori antidroga di Pontirolo, Enrico Coppola commenta la "VI Conferenza nazionale sulle dipendenze - Oltre la fragilità" che si è conclusa ieri a Genova. Un appuntamento a cui le comunità, per protesta, avevano deciso di non partecipare.

Dipendenze, l'Aga: "Occasione persa"

Il presidente di AGA, Enrico Coppola

Eppure erano state proprio le comunità a chiedere a gran voce un momento di confronto dove, però, sarebbero di fatto mancati i temi fondamentali inerenti il consumo di sostanze stupefacenti. Un secco "no" viene espresso inoltre alla legalizzazione delle droghe leggere su cui il mondo politico sta sempre più dibattendo. Secca la posizione di Coppola membro tra l'altro del direttivo del Com.E (Federazione delle comunità educative lombarde) e presidente dell’ASAD (associazione degli SMI che nel privato sociale sono l’equivalente dei Sert pubblici) che rincara la dose: "Ora chiederemo al Governo di tornare a confrontarsi con le comunità sui reali bisogni delle persone".

Comunità assenti per protesta

La convocazione della conferenza, che non avveniva da più di dieci anni, è stata voluta dal ministro alle Politiche giovanili con delega alle politiche antidroga Fabiana Dadone e era ritenuta fondamentale dal mondo che si occupa della dipendenza da sostanze stupefacenti: da questa conferenza sarebbero, infatti, dovuti uscire contributi ritenuti necessari per permettere al Parlamento di cambiare l’attuale legislazione antidroga ferma al 1990. Così non è stato per Coppola che, in segno di protesta contro lo scarso coinvolgimento delle comunità nei lavori dell’evento, non vi ha partecipato. E lo stesso hanno fatto i rappresentanti delle comunità riunite oltre che nel Com.E, anche in tutte le altre principali organizzazioni di cui fanno parte circa il 90% delle comunità attive sul territorio: FICT, COMUNITALIA, INTERCEAR,COM.E e di ACUDIPA.

"Non contesto - spiega Coppola - l’intera validità dell’evento che, comunque, ha il merito di aver promosso la discussione sull’impatto della tossicodipendenza a discapito di vari settori della nostra società. Purtroppo, però, ci si è concentrati su particolari temi come la riduzione del danno dell’assunzione delle droghe che è un modo di approcciarsi al problema ormai superato, nato in risposta decenni fa per il dilagare dell’eroina. Ora sono cocaina e marijuana le droghe più diffuse e bisognava parlare di quali politiche educative mettere in campo per evitare che i giovani trovino risposta al loro disagio assumendo queste sostanze".

Nella Bassa si consuma più droga che a Milano

Nel frattempo il consumo di droghe è sempre più diffuso, anche in Bergamasca: l’Aga ogni due anni organizza una campagna di monitoraggio fondata sull’esame delle acque fognarie che dalla Pianura bergamasca arrivano al depuratore di Mozzanica. Dall’ultima realizzata a giugno è emerso che nella Bergamasca si continua a consumare in media a persona più droga (cocaina e hashish) che a Milano. Questo trend era stato rilevato anche nella campagna del 2019.

Il secco "no" alle droghe leggere

Durante la VI Conferenza nazionale sulle dipendenze per Coppola sarebbe stato necessario anche parlare dell’attività degli Smi, un unicum lombardo: l’Aga ne ha aperto uno a Treviglio.

"Bisognava discuterne non certo per incensarsi - spiega Coppola - ma perché gli Smi rappresentano un nuovo modo ambulatoriale di curare le dipendenze che ormai sono trasversali: interessano tutte le classi sociali, culturali ed economiche. Anche il tema di come l’assunzione di sostanze stupefacenti si sia “normalizzata” doveva essere affrontato per capire come contrastarlo. Invece al contrario, durante l’evento si è tornati a parlare della questione della legalizzazione delle droghe leggere".

Possibilità che le comunità contestano con forza: "Darebbe un messaggio di liceità che avrebbe effetti devastanti, aumenterebbero i consumi con maggiori costi sul sistema sanitario e il mercato nero continuerebbe comunque a proliferare rispondendo alla domanda di tante altre droghe, cocaina su tutte ovviamente".