Cortenuova

Danni da maltempo, la responsabilità è della Curia

Al Comune di Cortenuova è arrivata la risposta dell'Enel alla richiesta di risarcimento dei danni subiti dai cittadini a luglio per un sovraccarico di corrente durante un temporale.

Danni da maltempo, la responsabilità è della Curia
Romanese, 02 Settembre 2020 ore 15:01

Al Comune di Cortenuova è arrivata la risposta dell’Enel alla richiesta di risarcimento dei danni subiti dai cittadini a luglio per un sovraccarico di corrente durante un temporale.

Danni a Cortenuova

Dei forti temporali a luglio hanno causato ingenti danni al territorio nella Bassa. Tante infatti sono le zone residenziali che sono state colpite. A contare i danni maggiori è stata una parte di Santa Maria, la frazione di Cortenuova. Il sovraccarico di energia elettrica ha letteralmente fatto saltare impianti lettrici, caldaie, elettrodomestici, anti furti. Una prima stima attesta che i danni per le famiglie si aggirano intorno ai sei, sette mila euro. Una situazione grave che ha spinto il sindaco Gianmario Gatta ad intervenire e a scrivere alla società erogatrice di energia elettrica sul territorio.

La risposta dell’Enel

Attraverso una lettera la società Enel ha risposto alla richiesta del Comune. Nella lettera è stata chiarita la causa del sovraccarico , la caduta di una pianta sui tralicci. Nella comunicazione Enel ha specificato che l’albero è di proprietà della Curia e che provvederà a veicolare ad essa tutte le richieste di risarcimento pervenute tramite il Comune.

La risposta dell’Enel al Comune di Cortenuova

La reazione del Comune

“Siamo soddisfatti perché un primo obiettivo è stato raggiunto ed è stata definita la responsabilità di quanto avvenuto. – ha detto Gianmario Gatta , sindaco di Cortenuova – ora attendiamo gli sviluppi e valuteremo, se necessario, di intraprendere altre azioni per tutelare tutte le famiglie che sono state danneggiate dal sovraccarico”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia