Cortenuova

Sovraccarico elettrico: “Danni per 6/7mila euro a famiglia a Cortenuova”

Il sindaco di Cortenuova ha scritto all'Enel dopo la conta dei danni causati dal maltempo di mercoledì a Santa Maria del Sasso.

Sovraccarico elettrico: “Danni per 6/7mila euro a famiglia a Cortenuova”
Romanese, 28 Luglio 2020 ore 10:44

Il sindaco di Cortenuova Gianmario Gatta ha scritto alla società fornitrice di energia elettrica dopo la conta dei danni causati dal maltempo di mercoledì. Si parla di migliaia di euro di danni per parecchie famiglie, che hanno visto

Maltempo a Cortenuova: danni ingenti

I forti temporali di settimana scorsa hanno causato ingenti danni al territorio nella Bassa. Tante infatti sono le zone residenziali che sono state colpite. A contare i danni maggiori è stata una parte di Santa Maria, la frazione di Cortenuova.

Impianti e elettrodomestici fuori uso

Il sovraccarico di energia elettrica ha letteralmente fatto saltare impianti lettrici, caldaie, elettrodomestici, anti furti. Una prima stima attesta che i danni per le famiglie si aggirano intorno ai sei, sette mila euro. Una situazione grave che ha spinto il sindaco Gianmario Gatta ad intervenire e a scrivere alla società erogatrice di energia elettrica sul territorio.

La lettera del sindaco

“Spettabile direzione – ha scritto il sindaco – nella frazione di Santa Maria del Comune di Cortenuova, il 22 luglio 2020 attorno alle ore 22 in seguito ad un forte temporale si è verificato un notevole sovraccarico di corrente che ha causato ingenti danni ai residenti. Sono bruciati elettrodomestici , caldaie, impianti vari, anti furti, che per le riparazioni comportano una notevole spesa da parte delle famiglie. Con la presente sono a chiedere , previa verifica, delle eventuali responsabilità, un vostro intervento a sostegno delle giuste richieste di tutte le famiglie che hanno subito danni”.

Leggi di più su RomanoWeek in edicola da venerdì 31 luglio

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia