Coronavirus, Gallera: controlli su passeggeri e equipaggi provenienti da Cina

In Toscana Autogrill in quarantena per due ore dopo un malore accusato da una turista cinese di 53 anni.

Coronavirus, Gallera: controlli su passeggeri e equipaggi provenienti da Cina
28 Gennaio 2020 ore 09:57

Operativo il piano d’intervento messo a punto dalla Regione Lombardia e ministero della Salute per affrontare eventuali casi di contagio da Coronavirus e per gestire le operazioni preventive e di sicurezza. Intanto, in Toscana, un Autogrill è rimasto in quarantena per due ore dopo il malore accusato da una turista cinese.

Coronavirus, controlli in Lombardia

“L’apparato di sicurezza sanitaria messo a punto dalla Regione Lombardia in stretto raccordo con il Ministero della Salute è operativo – spiega l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera – si effettuano controlli su passeggeri direttamente in aereo, sono stati attivati percorsi specifici con i medici di base e attraverso l’azienda regionale per l’emergenza urgenza. Niente allarmismi, in caso di necessità è opportuno rivolgersi direttamente al 112 o al numero del Ministero “1500”.

I controlli negli aeroporti

“Da ieri mattina – aggiunge l’assessore Gallera – anche nell’aeroporto di Malpensa, in accordo con il Ministero della Salute, è attivo il protocollo di monitoraggio per i passeggeri dei voli dalla Cina, con misurazione a bordo della temperatura di passeggeri ed equipaggio. A seguito di esito negativo dei controlli di temperatura, i passeggeri potranno sbarcare: a loro viene consegnata un’informativa multilingue. Se invece qualche passeggero/operatore dovesse presentare febbre, il personale medico procede alla sua valutazione secondo i criteri di caso sospetto definiti da OMS/Ministero della salute, procedendo all’invio in ospedale, reparto di Malattie Infettive, per effettuare tutti gli approfondimenti diagnostici necessari”.

Cosa fare in caso di sintomi sospetti

“Stiamo inoltre avviando la gestione di eventuali casi con sintomatologia sospetta insorta dopo il rientro in Italia – spiega l’assessore Gallera – per portare in ospedale eventuali casi sospetti con procedure dedicate e sicure d’intesa con AREU. Condivideremo in questi giorni le indicazioni operative con i medici di Medicina Generale e pediatri di famiglia e medici di continuità assistenziale qualora venissero contattati da loro assistiti rientrati dalle zone interessate. In queste ore è stata attivata la rete delle Unità Operative Ospedaliere di Malattie Infettive e sono stati individuati i laboratori di riferimento regionale a cui gli ospedali fanno riferimento per effettuare la ricerca del virus”.

Niente allarmismi

“Vorrei rassicurare tutti i cittadini lombardi – conclude Gallera – perché il sistema di sorveglianza regionale è operativo. Questo è anche il periodo con il picco di influenza ed è importante non farsi prendere da infondate paure. Per ogni dubbio occorre rivolgersi al proprio medico curante, non andare autonomamente in un Pronto soccorso, ma se necessario, chiamare il numero 112, attraverso il quale saranno attivati i percorsi necessari”.

Vademecum per i viaggiatori

Consigli ai viaggiatori internazionali di ritorno in Italia da aree a rischio della Cina: se nelle due settimane successive al vostro ritorno si dovessero presentare sintomi respiratori (febbre, tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratorie) a scopo precauzionale:

  • contattare il numero telefonico gratuito del Ministero della Salute 1500
  • indossare una maschera chirurgica se si è in contatto con altre persone
  • utilizzare fazzoletti usa e getta e lavarsi le mani regolarmente

Ulteriori raccomandazioni, informazioni e aggiornamenti saranno pubblicati sul portale del Ministero della Salute.

Autogrill in quarantena

In quarantena, invece, l’autogrill di Serravalle Pistoiese, in Toscana, per un caso sospetto di Coronavirus. Come racconta FirenzeSettegiorni.it, una donna cinese di 53 anni, ha avuto un malore ieri, lunedì 28 gennaio 2020, mentre si trovava nell’area di sosta sulla A11 Firenze-Mare. A dare l’allarme è stato lo stesso gruppo di turisti orientali del quale faceva parte la donna: stavano raggiungendo l’aeroporto di Pisa per poi tornare in patria. La 53enne è stata precauzionalmente trasportata al Pronto soccorso di Pistoia, malgrado secondo i primi accertamenti i turisti orientali non proverrebbero dalla zona di Wuhan epicentro del virus.
Per l’autogrill di Serravalle è scattata comunque la quarantena, chiuso per oltre due ore. Piscosi o meno, è stato impedito l’accesso a tutti i mezzi e alle persone.

TORNA ALLA HOME

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve