Menu
Cerca

Continua la diaspora: se ne va anche la comandante Ombretta Colombo

Continua la diaspora dal Comune di Fara d'Adda: anche il comandante dei Vigili Ombretta Colombo se ne va. E per ottomila abitanti restano solo due agenti...

Continua la diaspora: se ne va anche la comandante Ombretta Colombo
Cronaca Treviglio città, 29 Dicembre 2017 ore 16:27

Continua la diaspora dal Comune di Fara d’Adda: l’ultimo a lasciare la nave è il comandante dei Vigili Ombretta Colombo, che se ne andrà peraltro senza essere sostituita. Tramite mobilità, si è fatta trasferire sul mare, ad Albisola Superiore (Savona).

La lunga serie di defezioni

La defezione dal vertice della Polizia locale è solo l’ultimo atto di una serie di addii che hanno caratterizzato il quinquennio dell’Amministrazione del sindaco Armando Pecis fin dall’inizio. Soltanto a quest’estate risale l’altro caso “scottante”: la richiesta di mobilità da parte dell’unica dipendente rimasta nell’ufficio Contabilità, Laura Finardi, che generò un caso politico e istituzionale ai limiti del comico, non fosse drammatico. Con importanti ripercussioni sui servizi pubblici. I servizi al cittadino per settimane sono andate a picco, tra pagamenti arretrati che si accumulavano, cartelle esattoriali spedite in ritardo e – clamoroso – un taglio delle reti informatiche degli uffici e delle scuole, a giugno. La bolletta non era stata pagata.

Politici e tecnici: scappano tutti

Tra assessori, dipendenti, dirigenti, segretari comunali e revisori dei conti, è ormai difficile tenere il conto di tutti quelli che se ne sono andati negli ultimi due anni. Facendo un breve riassunto delle puntate precedenti la squadra (politica e tecnica) di Pecis ha perso nell’ordine un assessore ai Servizi sociali, Isidora Piacezi. Poi, la vicesindaca e super-assessore (con ben 15 deleghe) Graziella Negroni, che se ne andò parlando di «dissidi» interni all’Esecutivo. A febbraio 2016 se ne andò poi il segretario generale Giuseppe Sciarrone, sostituito da Rina Cerri, che a sua volta lasciò il posto a Massimo Liverani. Sembrava finita e invece no: a giugno anche lui ha lasciato il posto ad Alessandro Invidiata. Ad aprile 2016 era toccato invece ad Alessandro Cremaschi, responsabile mai sostituito del settore Finanziario che è finito in «prestito» ad Arcene. Passa l’estate, e a dare forfait è il revisore dei conti Alberto Motta, con un anno di anticipo rispetto alla scadenza naturale del contratto. Altri due dipendenti dell’ufficio Finanziario invece sono andati in pensione.

La denuncia del sindacato

Sulla situazione ormai kafkiana del Comune è intervenuto ieri anche il sindacato, commentando l’esito della “guerra delle bandiere” che ha visto contrapposti da una parte i dipendenti comunali e dall’altra il sindaco.  Fara è  “un Comune con gravi difficoltà organizzative che si ripercuotono fortemente sul clima lavorativo e, soprattutto, pare sulla garanzia del buon andamento di una pubblica amministrazione”, secondo Mario Gatti, segretario generale di CISL FP Bergamo.

Ora la sicurezza

All’improvviso, settimana scorsa è arrivata la notizia della mobilità per la comandante, che da oggi è entrata in servizio ad Albisola Superiore, in Liguria. Volto “storico” della Polizia locale della Bassa, Ombretta Colombo, classe 1966, era in servizio dal 1995 nella zona. Prima a Inzago (Mi), poi a Flero (Bs) e Macherio (Mb), per poi prendere servizio nel consorzio di Vailate-Calvenzano-Misano. Dal 2013 Ombretta Colombo era a capo del Comando farese, che ora resterà “senza testa”, presumibilmente per alcuni giorni, prima della nomina di un facente funzione. A vigilare sugli ottomila faresi, resteranno però soltanto due agenti. Pochissimi.  Tra gli altri progetti importanti cui Ombretta Colombo aveva dato un imprinting, quest’estate era partito Adda sicura: una serie di misure per scongiurare la balneazione lungo le rive del fiume, che ogni anno miete diverse vittime.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli