Treviglio

Che bello tornare a vivere le piazze, ma il giorno dopo quello che resta è solo degrado

Dal video della candidata del Pd Matilde Tura alla proposta del M5S per aderire al progetto "Decoro Urbano".

Cronaca Treviglio città, 23 Giugno 2021 ore 16:50

Abbiamo trascorso gli ultimi mesi a sognare una pizza in compagnia, un aperitivo al bar, un evento dal vivo eppure quando - finalmente - siamo tornati ad assaporare un po' di libertà siamo riusciti a rovinare parchi, strade e piazze lasciando dietro di noi una scia infinita di sporcizia. La colpa non è di tutti - sia chiaro - per fortuna c'è chi il senso civico (ma basterebbe anche solo il buon senso) ce l'ha. Purtroppo, però c'è chi continua a infischiarsene.

Quando la musica si spegne resta lo scempio

Ne è una triste cartolina proprio piazza Setti, a Treviglio, affollata di persone di ogni età durante il weekend. Un via vai che metteva il sorriso anche grazie agli eventi organizzati come il concerto dello "Stecchino d'oro" che sabato sera ha richiamato in piazza giovani e famiglie. Così anche domenica, ma quello che è rimasto a terra, un po' ovunque, ha consegnato un'immagine di Treviglio che preferiremmo non dover vedere.

4 foto Sfoglia la gallery

Bicchieri, bottiglie (anche di vetro in barba all'ordinanza anti-movida firmata dal sindaco che ne vieta l'uso all'interno della Circonvallazione, ndr), cartoni e rifiuti di ogni genere sono stati abbandonati sui gradini della piazza e nelle aiuole per non parlare della situazione delle scale che portano al parcheggio dove, oltre al nauseabondo odore di urina, c'era addirittura un assorbente femminile (per giunta usato).

Piazza setti... il giorno dopo

Un degrado inaccettabile che la candidata sindaco del Pd Matilde Tura ha immortalato in un video registrato nelle primissime ore del mattino di lunedì.

"Brutta cartolina per la città"

Ma non è la sola a lamentare una situazione al limite della civiltà. Anche il Movimento Cinque Stelle - MeetUp di Treviglio ha polemizzato apertamente con l'Amministrazione comunale. I grillini nel 2017 avevano presentato anche una mozione per chiedere l'utilizzo dell'applicazione telematica "Decoro Urbano".

"Da cittadini trevigliesi ci sentiamo offesi dall’incuria di pochi che abbandonando ovunque bottigliette, lattine e bicchieri di plastica, restituiscono all’immagine della nostra città una cartolina poco edificante - si legge nella nota del M5S - Come testimoniano le immagini che circolano in queste ore. L’amministrazione Imeri deve prendere atto che ripetere il mantra di una Treviglio “bella e pulita” non serve quando circolano sui social post che testimoniano altro. A più riprese l’opposizione aveva ricordato la necessità di interventi mirati e preventivi, ma alla fine è rimasto lo slogan reiterato: “Treviglio è una città bella e pulita”. Come Meetup di Treviglio avevamo portato in Consiglio mozioni che fornivano strumenti ai cittadini e all’Amministrazione per calibrare ogni possibile iniziativa. L’intera opposizione a più riprese si è sempre prodigata per mandare segnali precisi sull’ordine di interventi sul decoro pubblico e il rispetto dell’ambiente. Vogliamo spazi verdi e strade pulite sempre frequentabili".

"Decoro urbano", dal M5S l'idea di un'App contro il degrado

Secondo i pentastellati il degrado si potrebbe combattere anche con l'aiuto della tecnologia. In particolare attraverso l'adesione al progetto "Decoro Urbano", una piattaforma informativa accessibile a tutti e in grado di accogliere tutte le segnalazioni riguardanti situazioni di degrado. Sono 100 i Comuni che vi hanno già aderito per un totale di 4 milioni di cittadini che - in questo modo - partecipano attivamente alla cura del loro territorio.

La piattaforma, gratuita sia per il Comune che per il cittadino, permetterebbe di gestire le segnalazioni riguardanti rifiuti, dissesto stradale, zone verdi, vandalismi e incuria, segnaletica e affissioni abusive. A ciò i grillini, nel 2018, avevano aggiunto anche la richiesta di investire in foto trappole per "catturare" sul fatto i responsabili dell'abbandono dei rifiuti soprattutto nelle zone più periferiche e in campagna.