Barbata, il Comune aiuta la parrocchia con le reti anti-piccione

Bel gesto del Comune di Barbata, che ha donato alla parrocchia un contributo per l'acquisto e la posa di reti anti-piccione sul campanile del paese.

Barbata, il Comune aiuta la parrocchia con le reti anti-piccione
Romanese, 16 Settembre 2018 ore 15:19

Reti anti-piccione sul campanile: la parrocchia cerca fondi e il Comune le va incontro.

Le reti anti-piccione

Per salvaguardare il campanile di Barbata, il parroco don Andrea Oldoni si trova costretto all’acquisto di alcune reti anti-piccione da porre sulla torre campanaria. Acquisto troppo oneroso, però, per le finanze della piccola parrocchia: è partita così la ricerca di un “buon samaritano” che contribuisca alla spesa.

Il Comune si fa avanti con mille euro

Non ci ha pensato due volte il sindaco, Vincenzo Trapattoni,  che ha voluto dare il buon esempio attraverso un atto pubblico. Il Comune ha così deciso di donare 1060 euro – la spesa complessiva che dovrà essere sostenuta dalla parrocchia si aggirerà attorno ai tremila euro – alla parrocchia, nella speranza che si riescano a raccogliere anche gli altri fondi necessari.

Per ora niente lavori, si cercano altri contributi

Per il momento i lavori sono in una fase di stallo ancor prima di cominciare. Nonostante il contributo comunale, infatti, a don Andrea servirebbero ancora circa duemila euro per poter pagare l’acquisto e la posa delle reti sul campanile. Per questo motivo prosegue la ricerca di un altro “buon samaritano” che contribuisca alle spese.

 

Puoi saperne di più sul Giornale di Treviglio e RomanoWeek in edicola da venerdì 14 settembre.

TORNA ALLA HOME.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia