Cronaca
Clamoroso

Al Papa Giovanni incredibile scambio di bambine in culla

Ad accorgersene per prima era stata la madre. I genitori, sotto choc, hanno accettato le scuse del personale.

Al Papa Giovanni incredibile scambio di bambine in culla
Cronaca Bergamo e hinterland, 24 Febbraio 2022 ore 16:03

Ad accorgersi che qualcosa non andava era stata la mamma che, all’indomani del parto, aveva notato come il colore dei capelli della sua bimba fosse troppo scuro rispetto a quando l’aveva per la prima volta presa tra le braccia. Ma a togliere ogni dubbio è stata una telefonata arrivata a tarda sera dall’ospedale Papa Giovanni XXIII, quando la coppia di neogenitori era già tornata a casa: la bimba che gli era stata affidata non era loro figlia, era avvenuto uno scambio in culla. 

Scambio in culla al Papa Giovanni XXIII

Come riporta PrimaBergamo.it la sfortunata vicenda ha come protagonisti una coppia di genitori residenti in provincia che, lo scorso fine settimana, si era recata all’ospedale di Bergamo per far nascere i propri figli; una coppia di gemelli, un maschio e una femmina. Come raccontato dalla neomamma, lei stessa aveva chiesto spiegazioni il giorno dopo il parto, notando i colori diversi della bimba, ma il personale sanitario l’aveva rassicurata spiegando che i neonati cambiano aspetto in poco tempo.

A casa con una bimba che non è la loro

Martedì pomeriggio i genitori erano stati dimessi, ma la sera stessa è arrivata una telefonata dall’ospedale di Bergamo per chiedere di controllare il braccialettino che la bimba indossava nel momento in cui erano tornati a casa. Il bracciale, che fortunatamente era stato conservato per ricordo, riportava il nome di un’altra piccola, nata al Papa Giovanni più o meno nello stesso orario.

Le scuse dell'ospedale

Chiusa la telefonata i due genitori si sono precipitati in ospedale, dove hanno incontrato la mamma che aveva accudito la loro bambina. Sotto choc i genitori hanno accettato le scuse dell'ospedale auspicando che errori simili non capitino più. Il Papa Giovanni, attraverso una nota, ha spiegato che l’errore è imputabile al fatto che le due bimbe sono nate a poche ore di distanza l’una dall’altra, hanno un peso simile, così come lo è la loro storia clinica. Inoltre, pare che non sia stato verificato il braccialetto che identifica la mamma e il neonato.

Istituita una commissione interna

Una situazione eccezionale, che non si era mai verificata prima a Bergamo, nonostante in ospedale nascano più di 4 mila bambini ogni anno. Fortunatamente, lo scambio delle due bambine non ha avuto conseguenze dal punto di vista clinico. In ogni caso, per ricostruire quanto accaduto, è stata istituita una commissione interna alla struttura sanitaria.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter