Attualità
Rivolta

Centinaia di fiaccole sotto la torre: "Siamo accanto al popolo ucraino che soffre"

La comunità ha risposto all'appello dell'Amministrazione e delle associazioni locali e ha sfilato in piazza Vittorio Emanuele II per la pace.

Centinaia di fiaccole sotto la torre: "Siamo accanto al popolo ucraino che soffre"
Attualità Cremasco, 08 Marzo 2022 ore 23:25

Centinaia di fiaccole hanno sfilato nella serata di ieri, martedì 9 marzo, in piazza Vittorio Emanuele II a Rivolta, per chiedere pace e stare accanto al popolo ucraino.  Nei giorni scorsi manifestazioni analoghe si erano tenute anche a Romano di Lombardia, a Caravaggio e a Casirate. Migliaia i cittadini della Bassa bergamasca e dell'Alto cremasco che hanno protestato contro l'invasione russa dell'Ucraina.

Fiaccole e cuore

La fiaccolata in piazza, organizzata dall'Amministrazione comunale e dalle associazioni locali, ha radunato 300-400 persone sotto la torre della basilica di Santa Maria Assunta e San Sigismondo. Bandiere della pace e della martoriata Ucraina, qualcuna con la scritta "Siamo tutti ucraini". Tutti insieme i partecipanti sono partiti dal Municipio e hanno raggiunto l'ingresso della chiesa, dove si sono fermati in semicerchio, e il sindaco ha pronunciato parole di condanna per la guerra.

"Abbiamo accolto in questi giorni pochi profughi ma per noi sono tanti e grandi - ha detto Giovanni Sgroi - questo è il cuore di Rivolta, il cuore con cui una comunità sta vicina a un popolo che sta soffrendo in modo immane  per una follia, la guerra. In un secolo in cui pensavamo che non fosse più possibile si è ripetuta".

"Contro la guerra ma accanto ai nostri fratelli ucraini"

Il sindaco ha concluso il suo discorso manifestando solidarietà al popolo ucraino.

"Siamo contro la guerra, siamo vicini a chi soffre, anche ai giovani soldati mandati a morire da un gruppo di potere in una Patria non propria - ha continuato il primo cittadino, ma ancora di più alle sofferenze del popolo ucraino che perde i propri figli e la propria libertà. Contro la guerra ma accanto ai nostri fratelli ucraini: non possiamo fare molto ma diamo il nostro affetto fraterno più di una tonnellata di materiale che verrà inviata in questi giorni, raccolto dall'Amministrazione insieme alle associazioni "

Parole di speranza e di pace sono arrivate anche da don Michele Martinelli, poi i profughi ucraini hanno intonato l'inno nazionale attorniati dalle fiaccole, come in un abbraccio, e il corteo ha ripreso la sua marcia, facendo un paio di giri della piazza prima di concludere la serata.

20 foto Sfoglia la gallery

Leggi di più su Cremascoweek in edicola venerdì 11 marzo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter