Sport - Basket Serie D

Basket 86 Caravaggio al via del campionato con un nuovo coach

Il presidente Enzo Tadolti afferma: "L’obiettivo è arrivare ai playoff, ma quello che più conta è inserire in prima squadra i giovani del nostro vivaio".

Basket 86 Caravaggio al via del campionato con un nuovo coach
Sport Gera d'Adda, 28 Agosto 2021 ore 11:00

Dopo la scelta di non partecipare al ridotto campionato 2020/21 (per ovvie questioni legate alla pandemia) il Basket 86 Caravaggio riparte dalla Serie D girone A2 dove oltre ai classici derby della Bassa con SBT Treviglio e Basket Cologno, si misurerà con squadre della provincia di Bergamo, Brescia e Cremona.

Basket 86: Saverio Nero è il nuovo coach

Saverio Nero

Tantissime le novità in casa dei caravaggini a cominciare dalla nuova guida tecnica. Tocca a Saverio Nero classe 1971 di Soresina, a guidare dalla panchina i bassaioli, ex giocatore toccando anche la Serie A nella Virtus Bologna, ha poi sviluppato una buona carriera anche da allenatore alla guida di giovanili nazionali e prime squadre, nell’ultima stagione era capo allenatore alla Gilbertina Soresina in Serie C Gold.

Conferme e novità

Saranno due bandiere del Basket 86 Caravaggio ad affiancarlo nello staff: Lorenzo Demi vice allenatore e Roberto Colombo Gilardinelli assistente tecnico. Nel roster diversi giocatori confermati ma anche qualche volto nuovo e qualche gradito ritorno. Questi i senior confermati: Cesare Ghilardi, Gerry Soliveri, Giorgio Legranandi, Marco Mandelli, Claudio Merisio, Gabriele Ciani, Gabriele Coti Zelati. Poi ci sono gli Under tutti del 2002: Ivan Di Fiore, Davide Badoni e Alessandro Severgnini.

2 foto Sfoglia la gallery

Torna a indossare la canotta biancoverde Paolo Verri dopo una stagione mai giocata ad Ombriano causa Covid-19. Altro ritorno gradito quello di Marco Merisio classe 2001 dalla Scuola Basket Treviglio, dopo la trafila giovanile a Caravaggio. Dal Basket Verdello, promosso in C Silver nell’ultima stagione, sono arrivati Matteo Brambilla classe 1993 e Federico Contessi del 2001.

Obiettivo: centrare i playoff

E’ il presidentissimo Enzo Tadolti (nella foto in evidenza) a spiegarci le mosse sul mercato e ad introdurci la stagione del Basket 86 Caravaggio.

«Coach Marco Colombo Giardinelli è andato ad allenare il Bottanuco in C Silver e quindi abbiamo scelto Saverio Nero. Ha fatto bene come giocatore e anche come allenatore, ha esperienza sia nel settore giovanile che in prima squadra, noi pensiamo e speriamo possa fare bene anche a Caravaggio. Per quel che riguarda il roster c’è stato qualche giocatore che è tornato volentieri ad indossare la maglia biancoverde e ci ha fatto piacere, tante le conferme alle quali abbiamo aggiunto qualche nuovo giocatore, poi sarà coach Nero a scegliere qualche altro giovani da aggregare alla Serie D. Si parte lunedì 30 agosto e all’inizio faremo 5/6 allenamenti per almeno tre settimane, stiamo tentando di inserire anche qualche amichevole in modo da farci trovare pronti per l’esordio in campionato del 3 ottobre. Saremo al via anche della Coppa Lombardia e nel primo turno ad eliminazione diretta, a metà ottobre, affronteremo l’Offanengo che milita in Serie D come noi».

Quale obbiettivo per questa nuova stagione?

«Noi proveremo a centrare i playoff. Il girone è tosto, guardando le altre squadre ci sono stati molti movimenti e si sono rinforzate. La Scuola Basket Treviglio ha un bel roster, così come Offanengo che ha alzato il livello; ma ci sono anche altre realtà che hanno operato bene. La Federazione ha, saggiamente secondo me, scelto una formula che ci permette poi di giocare anche con le squadre dell’altro girone: speriamo che non ci metta lo zampino la pandemia. Detto questo il nostro obiettivo primario è continuare ad inserire giovani in prima squadra come facciamo da tempo».

Ci sono novità per il settore giovanile?

«Prosegue l’ottimo rapporto con la SBT Treviglio e facciamo due squadre giovanili assieme. L’Under 14 come SBT e l’Under 13 come Basket 86 Caravaggio, speriamo di fare in entrambi i casi il campionato categoria Elite. Andiamo avanti in modo produttivo nella speranza di poter coinvolgere altre società della Bassa Bergamasca e creare un settore giovanile importante».