Scuola
Emergenza ucraina

Profughi dall'Ucraina minorenni: a Treviglio c'è lo sportello NAI

Sudati: "Bambini e ragazzi hanno bisogno di ospitalità e sicurezza, ma anche di socialità, di incontri con i pari e di scuola"

Profughi dall'Ucraina minorenni:  a Treviglio c'è lo sportello NAI
Scuola Treviglio città, 12 Marzo 2022 ore 12:27

di Maria Nicoletta Sudati
Garante dell'Infanzia e dell'adolescenza - Treviglio

In questo periodo in cui soffiano nuovamente i venti di guerra alle porte dell’Europa, la preoccupazione di tutti è rivolta alle popolazioni, in particolare ai bambini e ai ragazzi più giovani. Il territorio bergamasco si è già rivelato generoso e solidale, attivandosi in numerose iniziative. Potrebbero giungere anche nella Bassa diversi minori che andranno accolti secondo i protocolli e il Vademecum che ha definito il Consiglio di rappresentanza dei Sindaci di Bergamo con Prefettura, Questura, Ats, Ufficio Scolastico.

Lo sportello Nai di Treviglio

Bambini e ragazzi hanno bisogno di ospitalità e sicurezza, ma anche di socialità, di incontri con i pari e di scuola. Nella scuola dell’obbligo (elementari e medie) l’accesso si compie attraverso l’iscrizione agli Istituti Comprensivi; più difficoltosa è la scelta per la scuola superiore (secondaria di secondo grado) per i ragazzi dai 14 anni in su.
Si vuole allora ricordare che per Treviglio è stato istituito uno Sportello NAI (adolescenti stranieri Neo-Arrivati in Italia) con un docente dedicato che può aiutare all’orientamento di questi studenti.

Per supportare bambini e adolescenti stranieri a scuola

Promosso dal Garante per l’infanzia e l’adolescenza di Treviglio, lo Sportello è stato attivato con la collaborazione di tutte le scuole dell’Ambito 5 Treviglio-Romano, con i Centri di Formazione Professionale ABF ed Enaip, Risorsa Sociale Gera d’Adda e Azienda Solidalia, Ufficio Scolastico Provinciale e Prefettura di Bergamo. Per informazioni, appuntamenti e contatti: cti-sportellostranieri@icfara.edu.it
Lo Sportello è un modo concreto per supportare gli adolescenti stranieri nella direzione di un’accoglienza che ci si augura costruttiva ed efficace nella scuola italiana e nel tessuto sociale del territorio, per il tempo di permanenza di questi giovani che sentiamo un po’ tutti come nostri figli.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter