Scuola
Treviglio

L'Istituto Archimede alla scoperta del volontariato nascosto

Gli alunni di quinta superiore hanno approfondito la conoscenza con i giovani volontari della Grande Guerra, scoprendo storie che non si trovano sui libri di testo.

L'Istituto Archimede alla scoperta del volontariato nascosto
Scuola Treviglio città, 21 Aprile 2021 ore 09:58

L'Istituto Archimede, scuola Superiore di Treviglio in collaborazione con i volontari dell’Associazione Intercultura, ha promosso il secondo laboratorio di Educazione civica: "Il volontariato nascosto della prima guerra mondiale". L’incontro, destinato alle classi quinte, si è tenuto sulla piattaforma Google Meet. A presenziare, oltre ai volontari del Centro Locale di Treviglio, i docenti coordinatori della nuova disciplina, l’Educazione civica.

Il laboratorio all'Istituto Archimede

"Sullo sfondo della Grande Guerra, un gruppo di volontari americani decide di organizzare un servizio di
ambulanze da campo: bisogna andare in Europa a soccorrere i feriti al fronte. La nota organizzazione AFS
(American Field Service) nasce in seno a un conflitto mondiale: ad essa partecipano volontariamente oltre
2.500 studenti universitari americani. È un’impresa straordinaria che insegna l’arte della comunicazione e del
dialogo". E' stato questo l'argomento del laboratorio dedicato agli studenti dell'Istituto Archimede.
Questo hanno raccontato i volontari Intercultura che, a completamento delle conoscenze storiche degli studenti,
hanno proposto la storia dei volontari. Giovani studenti, poco più grandi dei partecipanti, che in un periodo
particolarmente difficile, hanno anteposto la solidarietà e lo spirito di servizio. Sarà creato in seguito il primo
scambio universitario, tra Francia e America, e a conclusione del secondo conflitto mondiale, la nascita del
progetto di scambio culturale rivolto a studenti di 16-17 anni.

La lettura delle biografie dei volontari

L’attività è poi proseguita. Il colloquio con i testimoni è avvenuto attraverso la lettura delle biografie di alcuni volontari, quali Frank Angel, Eugene Bullard, Ellen Newbold La Motte, James Rogers McConnell, Francis Paton Kendall. Gli studenti, suddivisi in piccoli gruppi, hanno letto la vita di un testimone e lo scambio delle loro esperienze è stato inscenato e condiviso con il resto della classe. Tra l’imbarazzo della webcam e il ricordo delle gesta più importanti, i principianti attori hanno restituito il racconto di vite straordinarie. A conclusione il gioco Kahoot ha restituito la vitalità e l’effervescenza degli alunni che hanno attraversato un lungo periodo in "Dad" (didattica a distanza).

Lo scopo: incentivare il volontariato oggi

Lo scopo del laboratorio e la scelta dell'attività, da parte dell’Istituto Archimede, promuove la figura del volontario e in particolare incentiva il volontariato oggi, in un contesto pandemico. "Chi è il volontario? Conoscete qualche associazione volontaria? Qualcuno ha vissuto l’esperienza del volontariato e la vive ancora oggi?". Queste alcune delle domande rivolte ai partecipanti che hanno riflettuto sul significato e sul valore di una figura importante come quella del volontario. "È stato molto interessante! Uno sguardo a grandangolo per conoscere aspetti “nascosti” del primo conflitto mondiale, non raccontati nei libri di storia", hanno commentato alcuni studenti.
Si è conclusa così l’esperienza degli studenti della scuola superiore trevigliese e i volontari del Centro locale, con
l’augurio di un possibile ritorno l’anno prossimo e la possibilità, per tutti gli studenti, di scegliere di diventare
volontari.