Rivolta d'Adda

“La didattica a distanza non funziona”, genitori e minoranze sul piede di guerra

Non essendo stato potenziato il WiFi, gli insegnanti per fare lezione sono costretti ad arrangiarsi con i propri cellulari, usandoli come hotspot.

“La didattica a distanza non funziona”, genitori e minoranze sul piede di guerra
Cremasco, 19 Novembre 2020 ore 16:23

«La didattica a distanza a Rivolta è penosa»: è il durissimo commento di alcuni genitori che denunciano come non sia stato potenziato il WiFi e gli insegnanti siano costretti ad arrangiarsi con i propri cellulari, usandoli come hotspot, per poter fare lezione. E le minoranze presentano un’interrogazione.

La didattica a distanza non va

«Le 15 ore settimanali su sei giorni, il minimo che devono garantire, almeno siano fatte bene. A Treviglio, sempre nella scuola pubblica, lavorano seriamente. È possibile che l’educazione e la formazione dei ragazzi sia così poco importante? È scandaloso». A dirlo asono alcuni genitori e la loro indignazione che è stata raccolta dalle minoranze consiliari, che hanno presentato un’interrogazione che verrà discussa nella prossima seduta.

Leggi di più su Cremasco week in edicola venerdì 20 novembre.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia