Scuola
Treviglio

Bcc Treviglio premia gli studenti più brillanti: 53 borse di studio

Ospite della serata Roberto Aresi, titolare della Falegnameria Aresi di Treviglio.

Bcc Treviglio premia gli studenti più brillanti: 53 borse di studio
Scuola Treviglio città, 29 Novembre 2022 ore 11:16

Bcc Treviglio premia gli studenti più brillanti tra i soci e i figli di soci: 53 giovani sono stati insigniti settimana scorsa della ormai tradizionale Borsa di Studio al merito, giunta alla 27esima edizione.

“Sono ormai 27 anni che ci ritroviamo qui a premiare i ragazzi per i risultati che hanno ottenuto con i loro studi, come dimostrazione continua di apprezzamento per quello che fanno e al tempo stesso cercando di avvicinarli alla realtà della Cassa Rurale” così venerdì scorso il presidente della Bcc Treviglio, Giovanni Grazioli, durante la cerimonia di consegna organizzata all'auditorium della Cassa Rurale di Treviglio. In quest’occasione è stato premiato il merito dei figli dei soci che hanno conseguito, l’anno precedente, il diploma di scuola media superiore o il diploma di laurea.

L'esempio dell'imprenditore del legno Aresi

DSC_0401
Foto 1 di 5
DSC_0262
Foto 2 di 5
DSC_0144
Foto 3 di 5
DSC_0431
Foto 4 di 5
DSC_0436
Foto 5 di 5

Grazioli ha ricordato come l’evento non abbia solo fini celebrativi ma anche, e soprattutto, l’intento di arricchire il bagaglio culturale dei giovani, spiegando loro l’importanza di avvicinarsi ad una modalità di essere e "di fare banca in maniera differente". A questo proposito Bcc Treviglio ha scelto di invitare come ospite della serata Roberto Aresi, titolare della Falegnameria Aresi, al fine di stimolare, con la sua esperienza di amministratore, socio e cliente della Cassa Rurale, tutti i giovani a qualche riflessione sul loro futuro, in ambito lavorativo e sul mondo della cooperazione bancaria.

“L’augurio che posso fare è che chiunque di voi si inserisca in un’azienda, tenga presente che la ricerca, la preparazione, la formazione sono necessarie per poter condurre un’azienda a qualsiasi livello decisionale, vista la complessità dei tempi che stiamo attraversando. Quindi ricordatevi che le vostre conoscenze dovranno essere messe a frutto per far maturare non solo voi stessi ma anche la società in cui siete inseriti. Assegnando le borse di studio, la Cassa Rurale prosegue nel solco dell’attività di sostegno sociale già delineata dal suo fondatore monsignor Portaluppi e volta alla collaborazione e al coinvolgimento dei soci, oltre che al reinvestimento delle risorse sul territorio: per cui dico grazie alla Cassa Rurale e grazie a voi che, inserendovi nel mondo del lavoro, riuscirete a migliorare tutto ciò che è a livello sociale, culturale ed economico del territorio” ha spiegato Aresi ai ragazzi.

Cinquantatre borse di studio

Quindi la consegna della borse: 20 per gli studenti che hanno conseguito il diploma di scuola media superiore, 15 per le lauree triennali, 15 per le lauree magistrali. È stata quindi consegnata, come ormai tradizione, una borsa di studio speciale riservata agli studenti dell'Istituto superiore "Oberdan", in memoria di Ivan Arzilli, ex consigliere ed ex vicepresidente vicario di Bcc Treviglio che conservò da sempre un profondo legame con la scuola, "oltre ad essere stato un esempio di come si possa veramente voler bene ad un’istituzione come la Cassa Rurale" ha spiegato la banca.
Per questo motivo la selezione della candidata non è dipesa solamente dagli ottimi voti conseguiti, ma anche "dall’essere l’incarnazione del modus operandi e dei valori del dottor Ivan Arzilli". Alla consegna sono intervenuti il figlio di Ivan Arzilli, Andrea, e il dirigente dell’istituto Oberdan, Alessandro Colombo.

Un momento importante per Bcc Treviglio

Come ogni anno, la consegna delle Borse di Studio si è confermata un’iniziativa molto cara a BCC Treviglio, che ha voluto così sottolineare il costante impegno del mondo di Cassa Rurale nel cercare di essere vicina ai giovani, comprendendo al meglio le loro esigenze e richieste. Salutando e ringraziando i ragazzi premiati per il loro merito, il presidente Grazioli ha portato così il suo augurio, facendo un inno al loro impegno e perseveranza e invitandoli ad entrare nel mondo del lavoro con coraggio e spirito d’iniziativa: “Per la crescita della nostra società e dei nostri territori abbiamo bisogno di voi e delle vostre idee perché da un lato abbiamo necessità di migliorare la nostra economia, di favorire una crescita sostenibile e di tanta innovazione, in buona sostanza abbiamo bisogno di voi. Quindi credete nel futuro, osate e se trovate degli adulti che vi frenano abbiate il coraggio di perseverare perché questo è quello di cui abbiamo bisogno”.

Seguici sui nostri canali