Idee & Consigli

Implantologia: come misurare la stabilità dell'impianto

La tecnologia corre in aiuto dell’odontoiatra, portando importanti benefici ai pazienti, come spiega il Dottor Giuseppe Vigorelli

Implantologia: come misurare la stabilità dell'impianto
Idee & Consigli 21 Luglio 2021 ore 12:51

I trattamenti implantari sono sempre più sicuri ed efficaci e l'implantologia dentale ha fatto negli ultimi anni passi da gigante, anche grazie alla tecnologia. I tempi e le opzioni di trattamento per i pazienti sono migliorati significativamente. Anche la corretta valutazione della stabilità dell’impianto e dell’osteointegrazione può ora essere effettuata con uno strumento innovativo, l'Osstell. Di cosa si tratta? Lo abbiamo chiesto al Dottor Giuseppe Vigorelli, odontoiatra presso l'omonimo studio di Truccazzano e Verdello.

Cos'è l'Osstell e come funziona?

Osstell è un valido ausilio per determinare in maniera oggettiva e non invasiva la stabilità dell'impianto e valutare la progressione dell'osteointegrazione.
Osstell indica chiaramente quando un impianto è pronto per la fase il carico: cioè quando attaccare i denti fissi e farlo lavorare "normalmente". Solo ad osteointegrazione avvenuta, infatti, è possibile caricare gli impianti.
Nella pratica, la misurazione avviene in modo non invasivo e viene effettuata quando è arrivata la data della "teorica" guarigione dell’impianto. Lo strumento assomiglia a una "penna" dotata di display che, posta a contatto con l'impianto, indica un numero da 0 a 100.

Quali sono i vantaggi che derivano dal misurare in modo oggettivo l'osteointegrazione?

L'implantologia sta diventando sempre più diffusa. I pazienti desiderano avere risultati rapidi, ma i tempi di guarigione sono soggettivi e cambiano da persona a persona. Ci sono persone che guariscono rapidamente, altre lentamente. Grazie a Osstell, l'attesa è ridotta allo stretto necessario.
Il metodo elimina le probabilità e fornisce certezze. Durante la misurazione della stabilità dell'impianto si ottengono valori oggettivi, quindi il trattamento implantare diventa più prevedibile, anche per i pazienti esposti a fattori di rischio. Non si corre il pericolo di caricare l'impianto prima del tempo. Azione che, in alcuni casi, con un'osteointegrazione modesta, potrebbe portare al sorgere di problemi come poca stabilità e perdita dell'impianto, o a infezioni.

Dottor Giuseppe Vigorelli

Quando si utilizza l'Osstell?

Nel caso di impianti sommersi sotto gengiva, si utilizza alla data della teorica guarigione prima di procedere al carico. Sugli impianti non sommersi visibili al di fuori della gengiva la misurazione si ottiene più facilmente. Anche se il consiglio è quello di non procedere comunque nel primo mese o mese e mezzo dall'intervento, quando l’impianto non è ancora maturo, ma di aspettare sempre il teorico raggiungimento della guarigione.

Come prenotare un check-up dal dentista

Il Dott. Giuseppe Vigorelli è specializzato in implantologia e protesi dentale ed è a disposizione per una consulenza personalizzata. Lo studio dentistico Dott. Giuseppe Vigorelli si trova in via Marconi 4 a Verdello, telefono 035.4172991. E in via Europa 3 a Truccazzano, 02.9583055. Per maggiori informazioni visitare il sito www.studiodentisticovigorelli.it