Come funziona una clinica privata e chi può lavorarci

Come funziona una clinica privata e chi può lavorarci
01 Dicembre 2020 ore 06:53

Le cliniche private in Italia sono moltissime, ma non tutti hanno chiaro come funzionino e in cosa si differenzino dagli ospedali pubblici. Facciamo dunque una panoramica, considerando non solo cosa significhi essere curati in una struttura privata ma anche quali siano le differenze per quanto riguarda le assunzioni ed il personale. 

 

Chi può lavorare in una clinica privata

 

Le figure professionali che possono lavorare in una clinica privata sono le stesse che troviamo negli ospedali pubblici, ma c’è un’importante differenza che chi cerca un impiego in questo settore deve conoscere. Mentre infatti per essere assunti nel settore pubblico è necessario partecipare ad uno specifico bando, lo stesso non avviene nelle cliniche private. In queste strutture, che non sono gestite dallo Stato, possono lavorare tutti i professionisti del settore medico e sanitario. 

Non a caso, le cliniche private sono molto gettonate da alcune figure professionali come, l’OSA e l’Assistente alla Persona. Per essere assunti è sufficiente presentare il proprio curriculum come avviene per qualsiasi azienda privata e non bisogna dunque necessariamente partecipare ad un bando. 

Per quanto riguarda la forma contrattuale, questa dipende da vari fattori e dalla struttura dunque non è possibile generalizzare in tal senso. Di certo in molti consigliano di cercare lavoro nel privato, perché la sanità pubblica ha subito molti tagli negli ultimi anni dunque la situazione anche dal punto di vista remunerativo non è delle migliori.

 

Conviene lavorare in una clinica privata?

 

In molti si chiedono se sia più conveniente lavorare in una clinica privata oppure in un ospedale pubblico. Questa è una domanda piuttosto complessa, perché in entrambi i casi ci sono vantaggi e svantaggi da considerare. Per quanto riguarda il trattamento economico, le strutture private sono in grado di offrire uno stipendio che di media è superiore rispetto a quello previsto per i dipendenti degli ospedali pubblici. 

D’altro canto, bisogna considerare il fatto che lavorare nel pubblico è generalmente vantaggioso o almeno è sempre stato così fino a qualche tempo fa. Adesso le cose stanno cambiando ed i numerosi tagli alla sanità effettuati negli scorsi anni hanno influito in modo profondo, anche sugli stipendi dei dipendenti che non sono più privilegiati come in passato.

 

Come funziona una clinica privata per i degenti

 

Per quanto riguarda l’offerta medica e assistenziale delle cliniche private, questa viene gestita interamente dalla struttura, che sceglie anche le tariffe per le varie prestazioni offerte. In sostanza dunque chi si rivolge ad una clinica privata per essere curato, deve essere disposto a pagare di tasca propria e in molti casi i costi sono elevati. 

 

Cliniche private accreditate: cosa sono

 

A questo punto però è opportuno fare una precisazione. Molte delle cliniche private presenti in Italia sono accreditate dal Sistema Sanitario Nazionale. Questo significa in sostanza che la struttura è convenzionata e che il paziente può pagare solo il ticket per le prestazioni, così come avviene in qualsiasi ospedale pubblico. Le cliniche private accreditate dunque non presentano delle grandi differenze rispetto alle strutture sanitarie pubbliche, se non per la qualità del servizio che è di norma superiore.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità